Feeds:
Articoli
Commenti

Archivio per la categoria ‘TECNICHE-SPIEGAZIONI’

mederia_lg_small2

Un po’..tosta, la spiegazione di questa canotta, che si lavora con i ferri circolari ;si inizia a lav dal basso, e si fanno dei ferri accorciati per ottenere la parte più lunga.

una bella sfida quindi, ma ..”se pò ffà” come dicono a Roma(i loro antenati dicevano”nihil difficile volenti”..)

Da fare in lino , le amiche americane  useranno il Berrocco linus..e noi ,dobbiamo cercare, c’è il lino-cotone di  Drops, ad esempio,(e con Vignarul ve lo mandano a casa in 2 gg e dopo i 30 euro di spesa la spedizione è gratis,ma è previsto anche l’invio di piccole quantità a prezzi..postali, ordinato ieri  merino-cotone in un bellissimo colore azzurro jeans e cotone Muskat, arrivati questa mattina, spedizione free..un avviso per gli altri rivenditori del marchio..)

Oppure il fantastico  lino di Rowan,  lo trovate da “Macramè”di Isabella Fabbri a Bazzano(Bologna) e a Roma da Capuano, piazza della Torretta.

 

 

Modello fornito cortesemente da Berrocco:http://www.berroco.com/patterns/maderia

Cliccate sul link per andare all’originale, c’è la figura con le misure.

misure XS_S_M_L_XL_XXL

larghezza del busto:75cm(85-95-105-115-125)
misura del capo finito
Bust0 – 89cm(90-100-110-120-130)
Lunghezza– 62,5cm(65-67,5-70-72,5-75)(al bordo + lungo)

MATERIALE
4(4-5-5-6-6) gomitoli di  BERROCO LINUS (50 grs), #6834
Blackbird
ferri circolari n 5 cavo lungo  80cm
ferri diritti n5

campione:19m per 26 ferri=10cm
2 segnapunti di colore diverso
1 spilla per m in attesa.

NOTA
Il capo si lavora in tondo sui ferri circolari fino agli scalfi ,poi si divide tra davanti e dietro e si lavorano le due parti separatamente  con i ferri diritti.

la forma del fondo si ottiene lavorando con la tecnica dei ferri accorciati:si lavora fino ad un certo punto sul ferro, poi  si gira e si torna indietro,lasciando le restanti m in attesa.
CORPO
Sui i ferri circ montare  212(230-250-270-288-308) m, lav in tondo facendo attenzione a non girare il  cavo al primo giro,mettere un segno all’inizio del giro.
giro 1: 106dir(115-125-135-144-154),mettere un segnapunto,dir fino alla fine.

giro succ rov.
FERRI ACCORCIATI:
ferro1:(dir del lavoro).dir fino al primo segno,spostare il segno a destra,lav ancora 9 dir oltre il segno, girare.
ferro 2 (rov del lav): 9rov, spostare il s,9 rov oltre il segno, girare.
ferro 3 (dir del lav): 9dir,spostare il s,18dir oltre il s,girare.
ferro 4 (rov del lav):  18 rov,sp il s,18rov oltre il segno,girare.
Continuare in questo modo lavorando sempre   9m in più   ad ogni ferro fino ad avere completato  un  totale di 24 ferri accorciati,e finire al rov del lav.

Al giro succ  lav sempre al dir fino al segno che indica l’inizio del giro = 212(230-250-270-288-308)m, mettere un segno alla fine dell’ultimo giro.
Lav a m rasata (tutti i erri al dir, con i ferri circ)fino a 2,5cm dal segno.
Primo giro di diminuzioni: giro  1: * 1dir,2ass al dir,23dir(25-29-30-33-35),2ass al dir,24dir(26-28-31-33-36), 2ass al dir,23 dir(26-28-31-33-35), 2ass al dir,24dir(26-28-31-33-36), 2ass al dir,
1dir*rip tutto un’altra volta= 202(220-240-260-278-298) m.

lavorare altri 12 giri.
Secondo giro di diminuzioni: * 1dir,2as al dir,22dir(24-28-29-32-34),
2ass al dir,23 dir(25-27-30-32-35), 2ass al dir,22dir(25-27-
30-32-34), 2ass al dir,22dir(24-26-29-31-34), 2ass al dir,1dir*ripun’altra volta=192(210-230-250-
268-288) m.çavorare altri 12 giri.
Terzo giro di diminuzioni:: * 1dir,2ass al dir,21 dir(23-27-28-31-33),2as al dir,22dir(24-26-29-31-34), 2ass al dir,21 dir(24-26-
29-31-33), 2ass al dir,20dir(22-24-27-29-32), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 182(200-220-240-258-278) m.

fare altri 12 giri.
Quarto giro di diminuzioni:: * 1dir,2ass al dir,20dir(22-26-27-30-32), 2ass al dir,21 dir(23-25-28-3033), 2ass al dir,20dir(23-25-
28-30-32), 2ass al dir,18dir(20-22-25-27-30), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 172(190-210-230-248-268)m.

Lavorare altri 12 giri.
Quinto giro di diminuzioni: * 1dir,2ass al dir,19dir(21-25-26-29-31),2ass al dir,20dir(22-24-27-29-32), 2ass al dir,

19dir(22-24-27-29-31), 2as al dir,16dir(18-20-23-25-28), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta.= 162(180-200-220-238-258) m:

Lavorare altri 12 giri.

Sesto giro di diminuzioni:* 1dir,2ass al dir,18dir(20-24-25-28-30),
2ass al dir,19dir(21-23-26-28-31), 2ass al dir,18dir(21-23-26-28-30), 2as al dir,14 dir(16-18-21-23-26), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 152(170-190-210-
228-248)m.

Lavorare fino a 35cm(35-37-37-37,5-37,5)dal segno.
DIVISIONE DIETRO DAVANTI: con i ferri diritti,chiudere  4(5-7-8-8-9) m,dir fino al segno successivo,passare le restanti  76(85-95-105-114-124)m
su un ferro (o spilla, o ferro circolare a cui metterete i tappetti) per il davanti.

Girare e chiudere 4(5-7-8-8-9)m,poi lav rov fino alla fine.= 68(75-81-89-98-106)m.
DIETRO: diminuizioni(dir del lavoro):3dir,2ass al dir,dir fino alle ultime 5m,SSK(lav 2 m assieme ritorte),3dir= 66(73-79-87-96-104) m.

Ripetere queste diminuzioni a tutti i ferri diritti per altre  3(6-7-11-14-18) volte= 60(61-65-65-68-68) m.

Continuare a lavorare fino a  a che lo scalfo misurerà17,5cm(17,5-19-20-22-22,5) finendo con un ferro rov.

SPALLE E SCOLLO:f succ(dir del lav):chiudere 4m,lav dir fino a che avrete  are 11(11-13-
13-15-15) m sul ferro di destra,prendere un altro gomitolo,e chiudere le  30(31-31-31-30-30)m centrali,poi lav dir fino alla fine.

Lavorando le due parti separatamente ma contemporaneamente,chiudere 4m all’inizio del ferro succ,quindi 3(3-4-4-5-5) m all’inizio dei succ 4 ferri per le spalle.
Allo stesso tempo,chiudere ai lati dello  scollo ,1 volta 3m, poi 1 volta 2 m.
DAVANTI: al dir del lavoro rimettere sul ferro le  76(85-95-105-114-
124) m in attesa,chiudere  4(5-7-8-8-9) m all’inizio dei succ 2 ferri=68(75-81-89-98-106) m.
DIMINUZIONI (dir del lav): 3dir,2ass al dir,dir fino alle ultime 5m,SSK,3dir= 66(73-79-87-96-104) m.

Ripetere queste dim ad ogni ferro dir, per altre  3(6-7-11-14-18) volte..
Quando lo scalfo misura 5cm(5-7-7,5-9-10),(quindi prima di aver completato tutte le diminuzioni,)e ad un ferro sul rov del lav, mettere un segno ai lati delle
40(41-41-41-40-40) m centrali.
SCOLLO: f succ(dir del lav):continuando a fare le dim degli scalfi,lav fino a 14 m prima dell’ultima dim dell’ultimo segno  messo alla fine delle m centrali,fare 1 acc doppia(pasare 1m, lav 2 m assieme, accavallare),3dir, prendere un altro gomitolo ,lav 3 dir,SSK,poi lav fino alla fine= 37(38-38-38-37-37) m tra i segni.

mentre completate le dim dello scalfo,diminuite 2m al lato sin dello scollo (1acc doppia 3 dir)
ad ogni ferro dir,per altre 17 voltementre diminuite 1m sul lato destro dello scollo(3dir,ssk)ogni 4 ferri per  altre 3(4-4-4-3-3) volte.

Quando avrete completato tutte le dim sia dello scalfo che dello scollo,lav ancora sulle  10(10-12-12-14-14) m di ogni lato fino a che lo scalfo misurerà 17,5cm(17,5-19-20-22-22,5),finendo al rov del lav.

Chiudere allo scalfo 1 volta 4m,poi 2 volte 3(3-4-4-5-5) m per le spalle.
Finite le spalle, non vi resterà che cucirle..

About these ads

Read Full Post »

TABELLA DELLE MISURE

A seguito di una richiesta di una lettrice, ripubblico questa tabella di misure, che forse sarà utile a molte.

Vanda, (   http://ilmiomondodilana.blogspot.com/: )una lettrice del blog,mi ha mandato ,  questa tabella:

Grazie Vanda!

Read Full Post »

434px-Herbert_Kitchener_1914

Grazie ad una gentile lettrice, ho fatto questa stupefacente scoperta: quello che noi comunemente chiamiamo punto maglia( quello che si fa con l’ago per chiudere un lavoro) nel mondo anglosassone viene chiamato:”Kitchener st” e non sapevo perchè, ma ecco l’origine:

Lord Kitchener era anche un appassionato di lavoro a maglia, al punto di farsi ritrarre durante la guerra boera con in mano i ferri e un calzino in lavorazione (il ritratto è attualmente esposto alla National Portrait Gallery di Londra). Gli si attribuisce l’invenzione della chiusura a punto calza (in inglese Kitchener stitch).

NPG 1782; Horatio Herbert Kitchener, 1st Earl Kitchener of Khartoum by Sir Hubert von Herkomer, and  Frederick GoodallKitchener  associò il suo nome a quello delle donne britanniche nel  progetto della croce rossa per rendere più confortevole la vita ai soldati canadesi, americani e inglesi   con lavori a maglia di sciarpe e calzini  e guanti ; disse infatti di avere contribuito  nel disegno della lavorazione delle calze  chiudendo le punte  a punto maglia con l’ago:” square-ish ‘grawfted’ toe”la punta sembra senza cuciture  cosa che rende più confortevole  indossarli per le truppe  e che fu meglio conosciuta con il nome di ‘Kitchener stitch’.

Men-Knitting-Shorpy2

http://www.shorpy.com/node/7100

firefighters

205_c___engine_co._no._6_fire_dept._nashville_men_knitting_large

..e potrei pubblicarne tante altre..

provate a cercare nel web:Men knitting..

Eccovi la tecnica:

Biografia

Kitchener nacque a Ballylongford nella contea di Kerry, in Irlanda. Suo padre era il Tenente Colonnello Henry Horatio Kitchener, sua madre Frances Anne Chevallier-Cole. Proveniva da una famiglia benestante appartenente alla borghesia protestante irlandese. Suo padre era un proprietario terriero: aveva acquistato infatti dei terreni in Irlanda dopo la Carestia della Patata. Quando la famiglia si trasferì in Svizzera per cercare di curare la tubercolosi di cui era affetta la madre, il giovane Horatio fu mandato all’Accademia militare Reale a Woolwich. La sua prima partecipazione ad un conflitto fu quando, durante la guerra franco-prussiana del 1870 si arruolò come volontario, servendo in un ospedale da campo francese.

Carriera Militare

Ufficiale di colonia, riorganizzò l’esercito egiziano dopo la morte del generale Gordon a Khartum, e nel 1898 lo guidò nella battaglia di Omdurman contro i dervisci del Mahdi, Muhammad Ahmad bin Abd Allah: la perfetta preparazione dell’impresa, particolarmente difficile sul piano logistico, e l’uso innovativo e micidiale delle mitragliatrici, diedero una facile vittoria a Kitchener. In seguito alla vittoria fu creato nobile dalla Regina Vittoria che gli concesse il titolo di Barone Kitchener di Karthoum. Nel 1902 e nel 1914 rispettivamente Edoardo VII e Giorgio V lo elevarono di grado nella Paria, nominandolo prima visconte poi conte Kitchener. Giocò un ruolo fondamentale nella riorganizzazione dell’esercito britannico durante la seconda guerra Boera, come capo di stato maggiore e principale collaboratore del comandante supremo, il feldmaresciallo Frederick Roberts. Fu proprio Kitchener, divenuto comandante in capo nel gennaio 1901, ad introdurre l’uso dei campi di concentramento durante la guerra anglo-boera: ne furono vittime non meno di ventiseimila donne e bambini.

Nel 1902, dopo la fine della Guerra Boera, fu nominato Comandante in Capo dell’Esercito Reale Indiano, carica che tenne fino al 1909. Durante la prima parte del suo mandato, agì di concerto con il viceré dell’India Lord Curzon, riuscendo a migliorare di molto la condizione generale delle forze armate indiane. Quando però cercò di concentrare nelle sue mani ogni decisione riguardante l’ambito militare, entrò in conflitto con Lord Curzon. Quest’ultimo, uscendo sconfitto dal braccio di ferro con il generale, si dimise. Kitchener nonostante avesse conoscenze influenti a Londra, non riuscì ad ottenere la desiderata nomina a Viceré dell’India. Rientrato in patria dopo essere stato nominato Field Marshal, rifiutò l’offerta di divenire Comandante in Capo del Mediterraneo dopo aver ottenuto l’assenso del morente Re Edoardo VII. Il governo liberale in carica di H.H. Asquith lo nominò dunque Agente britannico e Console Generale in Egitto nel 1911. Nel giugno 1914 fu nominato Conte Kitchener.

Allo scoppio della Grande Guerra il Primo Ministro H.H. Asquith lo richiamò in patria, ben conscio delle capacità organizzative del Maresciallo, nominandolo Segretario di Stato alla Guerra. A dimostrazione della capacità di Kitchener sta la previsione (fu uno dei pochi a capirlo) che la guerra sarebbe durata a lungo, perlomeno 3 anni.

L’esercito britannico, formato esclusivamente da volontari e da specialisti, non era adeguato alle necessità dell’immane conflitto mondiale, Kitchener riuscì a far adottare la coscrizione obbligatoria e a preparare 33 nuove divisioni di linea, oltre ad una trentina di divisioni territoriali: un esercito che ebbe un’importanza decisiva fra il 1916 ed il 1917, quando toccò agli inglesi assumersi il maggior peso della guerra per consentire ai francesi indeboliti di ricostituire le proprie forze. I britannici chiamarono questo esercito, il maggiore mai visto nella storia inglese, col nome di Armata Kitchener, a testimonianza del grande contributo dato da questi allo sviluppo delle forze armate del Regno Unito.

Nel maggio 1916, dopo che lo zar Nicola II aveva chiesto la consulenza di Kitchener per riorganizzare il proprio esercito, Kitchener si imbarcò prima sull’HMS Oak, per poi trasferirsi sull’HMS Hampshire, un incrociatore corazzato. Durante la traversata la nave su cui viaggiava colpì una mina posata da un sommergibile tedesco, l’U-75. L’incrociatore HMS Hampshire a bordo del quale stava viaggiando il ministro, affondò nel Mare del Nord, uccidendo 643 uomini sui 655 che erano a bordo.

Onorificenze

Ad Horatio Kitchener furono concessi, oltre ai titoli di Barone, Visconte e Conte, numerosi ordini cavallereschi britannici. Nel 1915 poteva fregiarsi dei seguenti ordini: Ordine della Giarrettiera, Ordine di San Patrizio, Gran Croce dell’Ordine del Bagno, Ordine al Merito, Gran Croce dell’Ordine della Stella dell’India, Gran Croce dell’Ordine dei Santi Michele e Giorgio, Gran Croce dell’Ordine dell’Impero Indiano. Era inoltre membro del Consiglio Privato.

Note

Il manifesto del Regno Unito del 1914.

  1. ^ Anche se non perfettamente uguale, è il soggetto di un famoso cartellone chiamato Lord Kitchener Wants You per il reclutamento nell’esercito britannico durante la prima guerra mondiale, che verrà poi ripreso dagli Stati Uniti con il ritratto dello Zio Sam, e che verrà in parte sfruttato da George Orwell in 1984.

Read Full Post »

IL GUFO PORTAFORTUNA

http://d19rrbfgqc8cnd.cloudfront.net/assets/files/styles/pattern-main-image/public/pattern-files/images/main/owl-dishcloth-main.jpg?itok=9ZUD53m7

WEB-L-SnC-OwlKnitDishcloth-ENG

I Il gufo portafortuna, potrete lavorarlo sopra un cuscino o un pullover, lo schema lo potete stampare dopo aver cliccato il link sotto la foto.

Qui sopra una pezzetta che negli USA adoperano per lavare i piatti.. Ma non hanno inventato loro l’usa e getta?

Untitled

Read Full Post »

Come fare uno scollo a “V”:

scollo a v7da92a215colure

Lo scollo a  « V » si può fare in diversi modi:nudo (come quello della foto) , con un bordo aggiunto dopo, o lavorando ad esempio a legaccio o a p riso le 3/4 m ai lati dell’apertura centrale(in questo caso la diminuzione si farà prima del bordo sulla parte destra e dopo il bordo sulla parte sinistra).

Per ottenere lo scollo a V, si divide il lavoro a metà,si continua a lavorare con due gomitoli ,diminuendo 1m sui lati verso il centro, preferibilmente a 1 o 2 m dal bordo del centro,

esempio: su un davanti di  40m, si lavorano le prime 16m, si  fa una diminuzione sulle due m successive(1 accavallata o due m assieme ritorte), poi si lavorano 2 diritti, si lascia il gomitolo  con cui si è lavorato, con un altro gomitolo, si lavorano 2 dir dall’altro lato ,si lavorano 2 m assieme, poi si finisce il ferro.

Se avete invece previsto un bordo di 4 m ,la diminuzione la farete sulle 2m che precedono e seguono le 4 m.

Ferro succ rovescio, ferro succ, al dir del lavoro si ripetono le diminuzioni.

Si continua così fino ad avere terminato lo scollo secondo le indicazioni.

 MISURE

una lettrice del blog chiedeva di poter avere uno schema delle diverse misure, ho trovato questo sito dove trovate le diverse misure del corpo, per bambini e adulti, e poi il link ad un articolo già publicato, con le misure dei capi:

Un sito dove trovare le diverse misure del corpo,per grandi e bambini.
le misure sono quelle del corpo, quindi se dovete fare un capo, chiaramente sarà di qualche cm più largo.
 Un articolo con diverse misure di capi a seconda dell’età:http://lamagliadimarica.com/category/misure-2/
TABELLA MISURE BAMBINI  DA 0 A 36 MESI in cm:
                      torace                         vita                     fianchi
0-3 mesi:     da 41 a 43 cm            da 41 a 44      da 41 a 44

3-6 mesi:    da 43 a 45                  da 44 a 46      da 44 a 46

6-9 mesi:     da 45 a 46                 da 46 a 48     da 46 a 48
9-12 mesi:     da 46 a 48               da 48 a 49        da 48 a 49
12-18 mesi:da 48 a 50                 da 49 a 51          da 49 a 51
18 24 mesi:da 50 a 52                 da 51 a 53          da 51 a 53
da 24 a 36mesi:52                         53                      da 53 a 55

  Se le tue misure sono a cavallo tra due taglie, riferisciti a  quella più piccola per una vestibilità più aderente o quella più grande per una vestibilità più comoda. Se le misure di torace, girovita e fianchi danno come risultato taglie diverse, fai riferimento a quella  del torace.

 

Read Full Post »

Ogni tanto vado ,speranzosa in edicola a vedere se nel panorama della maglia c’è qualcosa di nuovo, ma il più delle volte rimango frustrata: o cose terribili o vecchi modelli francesi ripubblicati( e devo dire che li ho praticamente tutti..) questa volta invece ho trovato qualcosa che non avevo già, anche questi non originali ,pare siano di Katia infatti ,ma almeno per me, nuovi.
“Idee maglia” pittosto costoso purtroppo : 6,90 mi sembra effettivamente molto.
comunque c’era tra gli altri questo gilet carino e spiegato bene.

20130927-131559.jpg

20130927-131637.jpg

src=”http://marizampa.files.wordpress.com/2013/09/20130927-131707.jpg” alt=”20130927-131707.jpg” class=”alignnone size-full” />

 

20130927-135908.jpg

le indicazioni davano ferri 4,5 io avevo la solita simil-lana mezza sintetica ma devo dire niente male in definitiva, che si lavora con i ferri 4 per cui ho seguito le indicazioni per la misura 6 anni invece di 4, mantenendo peró le lunghezze dei 4 anni; altro cambiamento: invece che lav separatamente dietro e davanti , li ho lavorati assieme, con una m in meno ai lati .( visto che non avrei avuto cuciture)
Arrivata quindi agli scalfi, ho lavorato il primo davanti lasciando in attesa tutto il resto, ho lav poi il dietro e infine l’altro davanti.
Meglio ancora sarebbe stato lav i due davanti assieme, così da fare contemporaneamente le diminuzioni, lo consiglio vivamente.
Ho lasciato in attesa per le spalle 7 m, chiudendole poi con la tecnica dei 3 ferri.

20130927-141922.jpg

20130927-143401.jpg

Read Full Post »

http://www.helloyarn.com/

3808375320_eff2eaa3e3_zUna sfida.una nuova tecnica di montaggio delle m, che vi permetterà di fare dal berretto, alle calze ai guanti portando avanti assieme la lavorazione di due parti, una di fronte all’altra, non è una passeggiata, ma non vi intriga imparare delle tecniche nuove? (altro…)

Read Full Post »

Doppio articolo per l’ultimo week end di giugno, in un certo senso, sono i compiti delle vacanze..

I “gioielli” che vi presento oggi, sono quasi tutti fatti con la tecnica dell’i-cord, per cui imparate a farlo ed insegnatelo alle vostre figlie ado(adolescenti), sarà un bel modo di passare un po’ di tempo assieme questa estate, e se volete condividere con altre le vostre creazioni, mandate le foto, le pubblicherò.

So che molte ragazzine fanno una specie di “mercatino” sulla spiaggia, o nella piazzetta del posto dove passate le vacanze.

Vi rinfresco la memoria  : servono 2 ferri a doppie punte,più o meno sottili a seconda di quanto volete che venga grosso il cordoncino:montate 3m e le lavorate al diritto, non girate il ferro ma fate scivolare le 3m all’inizio del ferro, le rilavorate al diritto, tirando bene il filo di lavorazione dietro le tre m, e andate avanti così.. all’infinito”

eccovi un video:

Avevo già pubblicato un articolo sull’argomento, QUI:http://lamagliadimarica.com/2012/03/16/i-cordil-tubo-magico/

C’è anche una macchinettea che lo fa, questa:

http://www.angelyarns.com/images/access/i-cord-lg.jpg

Si chiama “tricotin” o caterinetta” si può comperare qui:http://www.casacenina.it/prym/caterinette-tricotin-a-manovella.html?adv_id=22369

o cercando su ebay o Amazon dove troverete parecchi libri che vi insegnano a creare con questa tecnica.

http://marizampa.files.wordpress.com/2013/06/dc179-img_2064.jpg?w=623&h=793

braccialetto i-cord07d87473e8a991247fbfbada67be3348potete infilare all’interno dell’icord, un tubicino di nylon o di filo di ferro se lo volete + rigido, poi per decorarlo un pezzo di stoffa e un grosso bottone di legno.

collana i-cord e p riso9ddedca4860b669d4e4586a150ab18b2

icord e punto riso.

764cf86142f78ab7290f432f1ecfb3b8

i-cord di diversi colori ,il fermaglio e la catenella vanno comperati, nei mercati ora si trovano dei banchi con tutto l’occorrente per fare gioielli .

a2c1813c648c19b918552b4c38d1980eUn punto tessuto ,pendagli di i-cord e bottoni

c8e0a36ed253783031723efa8f43d60c

I-cord e un grosso bottone.

fa88b2439a8187da2dfd9cc74ba1f32asolo,i-cord…

http://media-cache-ak1.pinimg.com/192x/32/9e/8a/329e8acf09264b8ffb4e388876c1d777.jpg

cambiando i colori..

http://media-cache-ec2.pinimg.com/192x/55/00/ec/5500ec5c1a073f04f69431927e3b13b5.jpg

Read Full Post »

Grr10.

http://poussieresdetoiles.petitsmots.net/archives/795-Les-explications….html#comments

.e se dopo questo ennesimo modello a ferri accorciati ancora non vi viene voglia di provare a farne uno..beh..non ho parole!

misura 2/3 anni

ferri3,5

Montare 78m e lavorare 4 ferri a legaccio(si lavora in orizzontale cominciando dal bordo del davanti sinistro verso sinistra quindi,) poi iniziare a lavorare a ferri accorciati:

    • Lavorare  66 m (lasciare in attesa le altre 12), girare e fare un gettato,lavorare il ferro di ritorno. Al ferro successivo ,lav le 66m +8m(lav il gettato assieme alla prima delle m lasciate in attesa)lasciare le ultime 4 m in attesa,girare,fare un gettato e lav il ferrro di ritorno;al f succ ,lav le 74m + le ultime 4m(lavorando assieme il gettato e la prima delle 4m in attesa),girare e lav il ferro di ritorno.
    • Continuare in questo modo fino a 17cm misurati lungo la parte inferiore
    • le maniche : al f succ(cominciando dall’alto quindi) , lav 32m e lasciare le altre 46m in attesa(quelle del corpo),continuare a lav a ferri accorciati in questo modo: lavorare 20m(lasciare le altre 12 in attesa),girare ,fare un gettato,lav il ferro di ritorno ,al f succ lav le 20m +8m lavorando assieme il gettato e la prima delle 8m lasciate in attesa,lasciare le ultime 4m in attesa,girare, fare un gettato e lav il ferro di ritorno .Al f succ,lav 28m e le 4 ultime m lavorando assieme il gettato e la prima delle 4 m ,assieme.
    • Continuare in questo modo fino a 18cm(misurati sulla parte bassa, la  + larga, della manica),poi riprendere di seguito le 46m del corpo e continuare a ferri accorciati come fatto nel davanti,fino a 31 cm ,misurati lungo il bordo inferiore,lav poi la seconda manica come fatto per la prima.A 18 cm misurati lungo il bordo inferiore della manica  riprendere le 46m del corpo e lav il davanti destro, finendo con 4 ferri di legaccio(3 ferri + quello di chiusura, sul rov del lavoro lavorando diritto)
    • fare 2 o 3 asole volanti e cucire i bottoni in corrispondenza.

    • ..E QUELLO A MANICHE LUNGHE PER MAMME NONNE E SORELLONE

    • corinne_side_medium2
    • me l’ha mandato una gentile lettrice :Simona, mamma di RO(grazie..) e la spiegazione  viene da qui:http://www.knitty.com/ISSUEss11/PATTcorinne.php
    • misure capo finito
      circ torace-82cm(90-100-108-112-130-140)
      lunghezza presa lungo il centro dietro dalla nuca al fondo45cm(47-50-50-52-54-57)
  •           cosa serve
    5[5, 6, 6, 7, 7, 8] gomitoli lana merino            ferri circolari n 4 lunghi 100 cmsegnapunti
    spille per m in attesa  oppure un ferro circolare
  •             ago da lana
  •           8 bottoni
  •           campione
  •                            20m per 40 ferri a legaccio=10cm
  •             spiegazione punto maglia here.
    • spacer
       
      spacer

      SPIEGAZIONE

    • Un altro modo ancora di fare i ferri accorciati, questa volta senza accorgimenti per evitare il “buchetto” che si forma quando ad un certo punto, prima della fine del ferro, si gira il lavoro, lasciando il resto delle m in attesa.
    • DAVANTI SINISTRO
      Montare 90[92, 96, 100, 104, 109, 113] m, non si lavora in tondo ma in avanti e indietro come sui ferri diritti
      NotA: gurdate lo schema in basso con le misure della parte bassa del cardigan.Per cambiare la lunghezza ,montare qualche m in più(5m in più=2,5cm di lunghezza in più). le aggiungete o le sottraete prima di mettere il primo segno nel primo ferro d’impostazione del lavoro.ferro d’impostazione-55dir(56, 59, 62, 65, 69, 73) segno,17dir[17, 17, 17, 17, 18, 18],segno, 14dir(15, 16, 17, 18, 18, 18)segno 4dir.

fare 7 ferri diritti

SEQUENZA DEI FERRI ACCORCIATI
F1 [dir del lav]: dir fino al primo segno, girare il lavoro.
FERRI 2, 4, 6 [rov del lav]: dir fino alla fine.
f 3 dir fino al secondo s, girare il lavoro.spacer
f 5-dir del lav-ir fino al terzo segno,girare il lavoro.
ferri 7 e 8 dir.
lav la sequenza di 8 ferri per un totale di  9[10, 11, 12, 14, 15, 16] volte, quindi lav i ferri da 1 a 7 un’altra volta.

MANICA SINISTRA
Ferro succ-rov del lavoro: 35dir[36, 39, 42, 45, 49, 53]; mettere le ultime  55[56, 57, 58, 59, 60, 60] m in attesa (su un ferro circolare).
Girare il lavoro,montare 40[43, 43, 45, 45, 48, 48] m all’inizio del ferro succ= 75[79, 82, 87, 90, 97, 101]m.
Nota: potete cambiare la lunghezza della manica come fatto per il corpo,guardate le misure delle maniche nello schema sotto.

Lav la sequenza  di 8 ferri per un totale di 13[14, 15, 16, 17, 18, 19] volte, quindi lav i ferri da 1 a 7 ancora una volta.

Lav  al dir le m lasciate precedentemente in attesa della parte bassa del corpo.=90[92, 96, 100, 104, 109, 113]m,lav la sequenza di 8 ferri per un totale di  19[21, 23, 26, 29, 31, 34] volte quindi lav i ferri da 1 a 7 un’altra volta.

MANICA DESTRA

Lavorarla come la sinistra

DAVANTI DESTRO

F SUCC-ROV DEL LAV-35 dir[36, 39, 42, 45, 49, 53]; mettere le succ  40[43, 43, 45, 45, 48, 48] m in attesa  e lav le  55[56, 57, 58, 59, 60, 60] m lasciate in attesa precedentemente della parte bassa del corpo= 90[92, 96, 100, 104, 109, 113] m.

Lav i ferri da 1 a 8 della sequenza per un totale di  10[11, 12, 13, 15, 16, 17] volte.

fare 3 ferri dir
asole-rov del lav-4dir,1gett,2ass al dir,*7dir[7, 8, 8, 9, 9, 9], 1gett,2ass*rip altre 2 volte,dir fino alla fine.

lav 3 ferri dir poi chiudere al rov del lavoro lavorando diritto e in modo morbido.

designername

Crystal non è a suo agio senza i ferri in mano,oppuresi diverte a cucinaree assaggiare nuovi cibi con suo marito o fa costruzioni

con il lego assieme ai suoi bambini,

sogna vacanze ai Caraibi

e suona il piano.La trovate al suo blog:

, Green Mittens.

    •  

       
      spacer
       
      spacer
      f
       

      Le misure dello schema sono in inch:1 inch=2,5cm
      spacer
      spacer

Read Full Post »

c9d004a2eaedb78181af23f8787aa3ee

Dopo questo post, i ferri accorcati non saranno più un mistero per tutte voi.e nemmeno per me!(onestamente mi facevano un po’ paura..) e ho scoperto che si possono fare in tanti modi:avvolgendo la m che rimane in attesa, facendo un gettato e poi lav assieme due m, lav 2 volte la stessa m…

Misura S-M-L..nel senso che va bene per tutte e tre le misure, se lo volete + lungo o + corto, basta montare + m.

COSA SERVE

5(6-7) gomitoli di  Givre Phildar( qui col  chartreuse)
ferri 5 mm
2 bottoni
campione: 10 x 10 cm = 18 m x 32 ferri

COSA BISOGNA SAPER FARE:
· legaccio : si lavorano tutti i ferri al dir.
· Picots : si fanno ogni 2 ferri ai lati del ferro:

infilare la punta del ferro destro nella prima m come per lavorarla al diritto,estrarre la m, ma non farla cadere dal ferro,rimettere sul ferro di sinistra  la m nuova e lavorarla, lavorare la m seguente e fare un’accavallata con la prima m.

ferri accorciati:
ogni 2 ferri  :
lavorare fino alle ultime 15m,passare la m succ sul ferro destro come per lavorarla al rovescio,passare il filo davanti al lavoro(verso di voi) rimettere la m passata sul ferro di sinistra e girare il lavoro e ricominciare a lavorare nell’altro senso.
Al ferro successivo lavorare fino alla m “avvolta” inserire la punta del ferro destro  nel filo che avvolge la m,metterlo sul ferro assieme alla m avvolta e lavorarle assieme.

ASOLE
ferro 1 : 2 m ass,1gett.
Rang 2 : lav le m e i gettati a legaccio.
·CHIUDERE LE M

lavorare il ferro di chiusura in modo morbido, e se non ci riuscite, usate un ferro di mezzo punto più grande.:
per chiudere le m:lav 2 m assieme,rimettere a sinistra la m ottenuta e di nuovo lav 2m assieme.. rip fino ad avere chiuso tutte le m..

SPIEGAZIONE
Si lavora in un unico pezzo, verticalmente cominciando dal davanti sinistro:
Montare 70 m, avremo un’altezza del davanti di 39 cm,lav 2 ferri diritti.
dal f succ, si lavorano i ferri accorciati e i picots: qu ndi ad un ferro si lavora fino alle ultime 15m, si avvolge la m, e si gira il lavoro, lasciando le 15m in attesa( sono la parte alta del lavoro, quella del collo), e al ferro succ si lavora tutto il ferro, fino alla fine, lavorando ,quando ci arrivate, la 16ma maglia  assieme al filo che la avvolge; allo stesso tempo, fare il picot sia all’inizio del ferro che alla fine.
lavorare in questo modo per  22 (23-24) cm (prendete la misura lungo il fondo).
PRIMA MANICA:
mettere in attesa le prime 40m( contandole dal baso) e lav le succ 30m sempre seguendo lo stesso principio dei ferri accorciati  , picots compresi: per cui invece di lav  55m prima del ferro accorciato ne lavoreremo 15:quindi,picot, 15dir, avvolgere la m succ, girare e rilavorare le 15m, fare il picot e al ferro succ lavorare tutte le 30m facendo il picot allo scollo .

lavoreremo in questo modo per  21(22-23) cm (misurati sul basso della manica).
lasciare le 30m della manica in attesa  e tornare a lavorare sulle 40m lasciate in attesa del corpo,lavorare diritto senza  fare i picot allo scalfo per 3(3-4) cm, poi riprendere a lavorare anche sulle m in attesa della manica.

e ora saremo sul DIETRO, che continuiamo a lavorare come fatto all’inizio: picot, lav fino alle ultime 15m, avvolgere la prima di queste 15m, girare, finire il ferro ,al f succ lavorare tutto il ferro, m avvolta assieme al filo che l’avvolge, e ricordandosi di continuare a fare i picots sia sopra che sotto, lavorare in questo modo per 37(39-41) cm ,misurati lungo il fondo.
SECONDA MANICA :
lavorarla come la prima.
DAVANTI DESTRO :
Continuare lavorando sempre a ferri accorciati e picots ,avendo alla fine per il davanti lo stesso n di ferri che abbiamo lavorato per il davanti sinistro ma MENO 4 FERRI,( due righe di legaccio)
..perchè a questo punto faremo le asole: la prima dopo aver lavorato 55m,la seconda  dopo 9m.
fare 3 ferri diritti su tutte le m e al quarto ferro chiudere tutte le m.sul rovescio  del lavoro lavorando diritto.

.

Altri modelli a ferri accorciati:qui

http://cleonis.com/tutos/ questo il link al blog dell’autrice, dove troverete un video sui ferri accorciati, da fare sul legaccio.

E qui la versione “bambina”:spiegazione QUI con un altro modo ancora di fare i ferri accorciati: inserendo un gettato..

http://marizampa.files.wordpress.com/2011/10/berg.jpg?w=500

Mi piacerebbe sapere se viene altrettanto bene con la tecnica del vestitino a sprone rotondo che vi ho presentato qualche giorno fa, in cui si lavorava la m 2 volte dopo aver girato e al ferro succ la stessa m si lavorava assieme alla succ, cioè alla prima delle m lasciate in attesa: non c’è che da provare!

Anche in questa versione della Droguerie:

http://frogginette.files.wordpress.com/2009/10/grr_4ans.jpg?w=584

per misure da nascita a 12 mesi :Cardigan ferri accorciati

Un gilet a ferri accorciati misura 6 anni:

Montare  112 m. con ferri 3 , usate ferri 3,5 per il montaggio risulterà + morbido, poi lavorate con il 3.
fate 6 ferri a legaccio
si inizia dl davanti sinistro
· 1 – lav 62 m. delle 112 m., lasciare le altre in attesa, girare il lavoro, lav le 62 m.
· 2 – lav  100 m. delle 112 m. girare il lavoro,lav il f di ritorno sulle 100m.
· 3 – lav 107 m. delle112 m. Girare il lav lav il f di ritorno sulle  107 m.
· 4 – lav le  112 m. e girare.
Ripetere questa sequenza .
A 19 cm  misurati lungo la parte bassa,(53 righe di legaccio) cominciare la prima manica.
lasciare le  62 m. del corpo in attesa,proseguire sulle 50m della manica lavorando a ferri accorciati prima su  38m ,poi su 45m, infine 50m..
A 75 righe di legaccio(contando solo quelle delle maniche al basso) riprendere le m lasciate in attesa e lav il dietro per 37cm(102 righe di legaccio) poi fare la seconda manica.

terminare   il davanti destro , e a 4 ferri dalla fine  fare 3 asole, lavorando sul ferro a distanza regolare tra diloro:2m assieme ,1gettato.
Poi dopo 2 ferri chiudere,
Scollo

potete riprendere le m attorno allo scollo e richiuderte al ferro dopo lavorando al dir.

 

 

 

..e per la bambola..

http://poussieresdetoiles.petitsmots.net/uploads/Mures3.JPG

per una bambola alta 40cm

circa  30g de lana,ferri  n°4, un bottoncino.
Si inizia dal davanti
Montare 35 m e lav 2 ferri a legaccio, poi iniziare i ferri accorciati:
• lav 20 m, lasciare  15 m sul f di sinistra e girare il lavoro ,fare un gettato, e lav le 20m.
• Al f succ lav le 20m e il gettato con la prima delle m rimaste in attesa ,lav 8 m e girare il lavoro lasciando in attesa 7m,fare un gettato e lav le 28m.
• Al f succ lav le 28m e il gettato assieme alla prima delle m rimaste in attesa ,lav 4m e girare il lavoro,lasciando 3 m in attesa ,fare un gettato e lav 32m,
• al f succ lav tutte le m lavorando il gettato con la prima delle 3m lasciate in attesa

lav il ferro di ritorno
ripetere tutta la sequenza per 6 cm(misurati lungo il fondo).
per le maniche :
• lavorare  15 m e lasciare in attesa le 20 m sul ferro destro, continuare i ferri accorciati sulle 20m, lavorando dapprima 8m,poi girare il lavoro ,fare un gettato, e lav le 8m.
• Al f di ritorno,lav le 8m,poi il gettato con la prima delle m rimaste in attesa,lav 4me lasciare le 3m in attesa,girare il lavoro e cominciare il ferro con un gettato,lavorare le 12 m.
• Al ferro succ lav tutte le m lavorando il gettato con la prima delle m rimaste in attesa  .

Ripetere questi ferri accorciati per 8cm(misurati lungo la parte è larga,il basso della manica)
per il dietro :
• Riprendere a lav su tutte le 35  m a f acc per 15cm(misura presa lungo il fondo)
Poi fare la seconda manica e il davanti destro allo stesso modo.

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 3.701 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: