Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘TECNICHE-SPIEGAZIONI’ Category

Ci sono siti bellissimi dove la cretività femminile si scatena, come qui ad esempio:come fare deliziosi berretti con i vecchi pullover, quelli magari diventati troppo piccoli ma che sono ancora buoni..Ludovica, la mamma di Flavia, racconta che la nonna paterna, dopo che gli abiti erano stati “rivoltati” (si faceva in tutte le famiglie nel dopo guerra, la parte interna dei cappotti non era lisa..) rimpiccioliti per i figli più piccoli, alla fine venivano tagliati a pezzi per farne stracci, ma mai buttati!

 

http://www.makeit-loveit.com/2012/02/hats-made-from-old-sweaters-nothing-is-safe-from-my-scissors-ha.html

b8c526c630928b21141bcd59eef1ceba

Questo è un modo molto divertente di mettere assieme pezzi di maglie diverse, e il risultato è ..stupefacente!

 

 

a7185463b843e6d0c60f352345adb12e

 

E che dire di questo berretto?

c36381b07f0d9696398588bcb2543d6bE per finire ,la borsa, prima però dovrete metterla in un bucato con l’acqua calda, per infeltrirla:

http://charmalore.wordpress.com/tag/bag/

9cdd245c212cf6fb4b13b9ded233ad7a

o queste altre:http://recreatedesigncompany.com/recycled-sweaters/

sweater3

o uno scaldacollo dal cardigan:

DSC_0369

DSC_0360

DSC_0361

Si fa un zig zag con la macchina da cucire sul bordo della parte che si vuole utilizzare, poi si ripiega e si cuce sul rovescio.

DSC_0363

http://www.maybematilda.com/2011/10/button-up-cardigan-cowl-old-sweater.html#.U563uoWuJpf

O il maglioncino per regalare una bottiglia di vino:

6a5cc77b0cf7fbd106cbbc07515f48b0

About these ads

Read Full Post »

http://www.caron.com/projects/ss/ss_girls_smocked_tunic.html

:ss_girls_smocked_tunic

Carina e sfiziosissima la tunichetta che so che farà impazzire tutte le bambine..si può fare anche in cotone, qui è lavorata con i ferri circolari, ma  si può tranquillamente lavorare in due parti e poi cucire, e ,perchè no, topdown..

I fiori, sono ..un po’ tanti e lavorati all’uncinetto, vi lascio la spiegazione in inglese  ,con un aiuto dei termini tradotti:perchè  non sono tanto brava a lavorare all’uncinetto, sia in inglese che ..in italiano, ma quelle brave ci riusciranno senza spiegazione, per chi invece li volesse fare con i ferri,andate nella home page e dove dice cerca, in alto a destra, scrivete fiori, e ne troverete tanti.

 

Misure 4-6-8-10 anni

ferri 3,75 e 5 ,circolari- cavo lungo 60cm

a doppie punte 3,75 e 5

CAMPIONE

con i ferri + grandi.18m per 20 ferri=10cm

con i ferri è piccoli.14m per 28 ferri=10cm

punti:

COSTE 2/2:2m dir, 2 m rov

punto smock:

ferro 1: *portare il filo dietro il lavoro,poi, passare il ferro destro davanti alle 6m del ferro di sinistra, infilare la punta del ferro  tra la sesta e la settima ed estrarre un cappio come per lavorarlo al dir, fare passare  la m ottenuta davanti alle 6m e metterla all’inizio del ferro di sinistra, davanti alle 6m,lavorarla assieme alla prima delle 6m, al dir,poi :
, 1dir; 2 rov, *ripetere altre 2 volte(3 gruppi di punto smock) e terminare lavorando il resto delle coste-
ferri 2-8: lavorare a coste
ferro 9: lavorare a coste  arrivando a 2 m diritte in più, ripetere ciò che si è fatto al ferro 1 ma solo per 2 volte e terminare lavorando a coste.
ferri 10-16: coste
ripetere i ferri  1-16


SPIEGAZIONE
Parte inferiore della tunica:vi fa montare le m con un montaggio provvisorio, perchè alla fine vi farà togliere il filo del montaggio provvisorio e vi farà fare il volant, radddoppiando il n delle m; ma se lavorate in tondo con i ferri circolari,potete tranquillamente iniziare dal volant:montate il doppio delle m,con un montaggio normale, lavorare a m rasata per l’altezza del volant, lav le m due alla volta e proseguire con la spiegazione.

Comunque se volete usare il montaggio provvisorio(e impararlo, vi potrà essere utile, ) cercate su you tube:provisional cast on, ci sono più metodi, sia con l’uncinetto che montando le m direttamente con 2 fili.
Quindi seguendo la spiegazione::con i ferri più grandi montare  124 (140, 152, 172) m usando il metodo del montaggio provvisorio delle m,lavorare in tondo mettere un segno all’inizio del giro,lav a m rasata per 23 (28, 33, 33)cm.
Cambiare con i ferri circ + piccoli e fare 1 ferro a m rasata.

punto smock:
giro 1: *2 dir,2rov * per tutto il ferro.
g 2:  lav le m come si presentano
g 3: lav a coste sulle prime  20 (24, 28, 32) m, poi lav il primo ferro del punto smock sulle succ 22m, e finire il giro lavorando a coste.

g 4-10: lav a coste
g11:lav a coste sulle prime  24 (28, 32, 36) m, poi lav il ferro 9 del p smock sulle succ 14 m, terminare lavorando a coste fino a 4m prima della fine del giro

SCALFI
(dir del lav): chiudere le succ 8m,lav a coste le succ 54 (62, 68, 78) m per il davanti, chiudere 8m,lav a coste  le succ 54 (62, 68, 78) m per il dietro.
ora lavoreremo sulle due parti in avanti e indietro come sui ferri diritti
DIETRO DEL CORPETTO
lasciando in attesa  le m del davanti lavorare solo sul dietro:lav a coste fino a che lo scalfo misurerà 10cm(11.5, 12.5, 14)finendo con un ferro sul rov del lav.
ferro 1 (dir del lav):lav a coste  12 (16, 18, 22)m per la spalla destra e mettere queste m in attesa,chiudere le  30 (30, 32,34) m centrali,lav le rimanenti 12 (16, 18, 22) m per la spalla sinistra..
ferri 2-4: lav  12 (16, 18, 22) m a coste per la spalla sinistra.
mettere le m in attesa
tornare a lav al rov del lav sulle prime  12 (16, 18, 22) m della spalla destra.
ferri 1-4: lav le  12 (16, 18, 22) m a coste, e mettere in attesa.
DAVANTI DEL CORPETTO
Al diritto del lavoro tornare a lavorare sulle m del davanti lasciate in attesa,
ferro d’impostazione: 2dir (2, 5, 2), 2rov, *2dir,2rov * rop fino alle ultime  2 (2, 5, 2) m, dir fino alla fine
Iniziando con il ferro 12 del p smock,lav fino a 9 (9.5, 10, 11.4)cm dall’inizio dello scalfo finendo con un ferro sul rov del lav.
scollo
ferro succ(dir del lav): lav a coste 18 (22, 25, 30) m per la spalla sinistra e metterle in attesa,chiudere le succ 18 (18, 18,18)m, lav a coste fino alla fine per la spalla destra.
ferro 1 (rov del lav): lav a coste per la spalla desta.
ferro2 (dir del lav): 1dir,1 accavallata,coste fino alla fine.
ferro 3: a coste
Ripetere i ferri 2 e 3 altre 5 (5, 6, 7)volte.
mettere le rimanenti  12 (16, 18, 22) m in attesa.
Tornare a lav al rov del lav le prime 18 (22, 25, 30) m della spalla sinistra e lav a coste fino alla fine.
ferro 1 (dir del lav): lav a coste fino alle ultime 3m:2 ass, 1 dir.
ferro 2: lav a coste.
Rip i ferri 1 e 2 altre, 5 (5, 6, 7)volte.
mettere le rimanenti  12 (16, 18, 22) m in attesa..
Unire le spalle con la tecnica dei 3 ferri:

mettere le m di una spalla, sul ferro  davanti alla corrispondente spalla del dietro, i due ferri paralleli, le due punte verso destra, e con un terzo ferro, prendendo assieme la prima m del ferro davanti con la prima m del ferro dietro, ecc, chiudere le m.
MANICHE
Con i ferri a d punte + piccoli riprendere attorno allo scalfo 52 (56, 60, 64) m e lav a coste per 10 (10, 11.5, 11.5)cm.
lav 2 giri diritti.
cambiare con i f a d punte + grandi e lav a m rasata fino a 37 (38, 39.5, 40.5)cm o fino alla lunghezza desiderata.
giro di diminuzioni:lavorare le m 2 ass al dir, per tutto il giro,fare 2 giri diritti poi chiudere.
VOLANT:
Rimuovere il filo del montaggio provvisorio
giro 1: lav 2 volte ogni m=372 (420, 456, 516) m
giri 2-5: dir
chiudere morbidamente.

FIORI

qui di seguito una tabella di traduzione dei termini dell’uncinetto dall’inglese(sia dell’inghilterra che americano, )in italiano:

US UK IT
chain (ch) chain (ch) catenella
single crochet (sc) double crochet (dc) maglia bassa
double crochet (dc) treble (tr) maglia alta
half double crochet (hdc) half treble (htr) mezza maglia alta
triple crochet (trc) double treble (dtr) doppia maglia alta
slip stitch (sl st) slip stitch (sl st) maglia bassissima
miss skip saltare
tension gauge campione
yarn over hook (yoh) yarn over (yo) filo sull’uncinetto

 

potete farli con ogni combinazione di colori.
fiore  1:con il colore  B e l’uncinetto, fare una catenella di 4m e unire in tondo a formare un anello… e poi…
*Ch 4, dc in 2nd ch from hook and in next ch, hdc in next ch, sc in center of ch ring; rep from * 6 times more.
Leave a long tail to attach to garment.
Flower 2: With B and crochet hook, ch 4, join with a sl st to form a ring.
Work 8 sc around ring, join with a sl st to first sc, *ch 4, sl st in front loop only of next sc; rep from * around.
Fasten off.
With C, rejoin yarn in back loop only of a sc, *ch 6, sl st in next sc in back loop only; rep from * around. Leave a
long tail to attach to garment.
Flower 3: Rep Flower 2, using B and F.
Flower 4: With C and crochet hook, ch 4, join with a sl st to form a ring.
Work 10 sc in ring, join with a sl st in firs sc, *ch 4, sl st in front loop only of next sc; rep from * around. Fasten off.
With D, rejoin yarn in back loop of sc, **ch 7, sl st in back loop of next sc; rep from ** around, sl st in last ch loop.
Work 5 sc in first ch loop, *sc dec (place hook first in ch loop just worked, pull up a loop and in next ch loop, yo
and pull through all 3 loops on hook), 5 sc in next ch loop; rep from * around. Fasten off. leaving a long tail to
attach to garment.
Flower 5: With F and crochet hook, ch 3, sl st in first ch to make a loop. 7 sc in loop, fasten off. With E, join yarn
in any sc, *ch 5, dc in 2nd ch from hook, hdc in next ch, sc in next ch, sl st in next ch and in next sc. Ch 7, dc in
2nd ch from hook and in next ch, hdc in each of the next 2 chs, sc in next ch, sl st in next ch and in next sc. Rep
from * ar

 

Read Full Post »

mederia_lg_small2

Un po’..tosta, la spiegazione di questa canotta, che si lavora con i ferri circolari ;si inizia a lav dal basso, e si fanno dei ferri accorciati per ottenere la parte più lunga.

una bella sfida quindi, ma ..”se pò ffà” come dicono a Roma(i loro antenati dicevano”nihil difficile volenti”..)

Da fare in lino , le amiche americane  useranno il Berrocco linus..e noi ,dobbiamo cercare, c’è il lino-cotone di  Drops, ad esempio,(e con Vignarul ve lo mandano a casa in 2 gg e dopo i 30 euro di spesa la spedizione è gratis,ma è previsto anche l’invio di piccole quantità a prezzi..postali, ordinato ieri  merino-cotone in un bellissimo colore azzurro jeans e cotone Muskat, arrivati questa mattina, spedizione free..un avviso per gli altri rivenditori del marchio..)

Oppure il fantastico  lino di Rowan,  lo trovate da “Macramè”di Isabella Fabbri a Bazzano(Bologna) e a Roma da Capuano, piazza della Torretta.

 

 

Modello fornito cortesemente da Berrocco:http://www.berroco.com/patterns/maderia

Cliccate sul link per andare all’originale, c’è la figura con le misure.

misure XS_S_M_L_XL_XXL

larghezza del busto:75cm(85-95-105-115-125)
misura del capo finito
Bust0 – 89cm(90-100-110-120-130)
Lunghezza– 62,5cm(65-67,5-70-72,5-75)(al bordo + lungo)

MATERIALE
4(4-5-5-6-6) gomitoli di  BERROCO LINUS (50 grs), #6834
Blackbird
ferri circolari n 5 cavo lungo  80cm
ferri diritti n5

campione:19m per 26 ferri=10cm
2 segnapunti di colore diverso
1 spilla per m in attesa.

NOTA
Il capo si lavora in tondo sui ferri circolari fino agli scalfi ,poi si divide tra davanti e dietro e si lavorano le due parti separatamente  con i ferri diritti.

la forma del fondo si ottiene lavorando con la tecnica dei ferri accorciati:si lavora fino ad un certo punto sul ferro, poi  si gira e si torna indietro,lasciando le restanti m in attesa.
CORPO
Sui i ferri circ montare  212(230-250-270-288-308) m, lav in tondo facendo attenzione a non girare il  cavo al primo giro,mettere un segno all’inizio del giro.
giro 1: 106dir(115-125-135-144-154),mettere un segnapunto,dir fino alla fine.

giro succ rov.
FERRI ACCORCIATI:
ferro1:(dir del lavoro).dir fino al primo segno,spostare il segno a destra,lav ancora 9 dir oltre il segno, girare.
ferro 2 (rov del lav): 9rov, spostare il s,9 rov oltre il segno, girare.
ferro 3 (dir del lav): 9dir,spostare il s,18dir oltre il s,girare.
ferro 4 (rov del lav):  18 rov,sp il s,18rov oltre il segno,girare.
Continuare in questo modo lavorando sempre   9m in più   ad ogni ferro fino ad avere completato  un  totale di 24 ferri accorciati,e finire al rov del lav.

Al giro succ  lav sempre al dir fino al segno che indica l’inizio del giro = 212(230-250-270-288-308)m, mettere un segno alla fine dell’ultimo giro.
Lav a m rasata (tutti i erri al dir, con i ferri circ)fino a 2,5cm dal segno.
Primo giro di diminuzioni: giro  1: * 1dir,2ass al dir,23dir(25-29-30-33-35),2ass al dir,24dir(26-28-31-33-36), 2ass al dir,23 dir(26-28-31-33-35), 2ass al dir,24dir(26-28-31-33-36), 2ass al dir,
1dir*rip tutto un’altra volta= 202(220-240-260-278-298) m.

lavorare altri 12 giri.
Secondo giro di diminuzioni: * 1dir,2as al dir,22dir(24-28-29-32-34),
2ass al dir,23 dir(25-27-30-32-35), 2ass al dir,22dir(25-27-
30-32-34), 2ass al dir,22dir(24-26-29-31-34), 2ass al dir,1dir*ripun’altra volta=192(210-230-250-
268-288) m.çavorare altri 12 giri.
Terzo giro di diminuzioni:: * 1dir,2ass al dir,21 dir(23-27-28-31-33),2as al dir,22dir(24-26-29-31-34), 2ass al dir,21 dir(24-26-
29-31-33), 2ass al dir,20dir(22-24-27-29-32), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 182(200-220-240-258-278) m.

fare altri 12 giri.
Quarto giro di diminuzioni:: * 1dir,2ass al dir,20dir(22-26-27-30-32), 2ass al dir,21 dir(23-25-28-3033), 2ass al dir,20dir(23-25-
28-30-32), 2ass al dir,18dir(20-22-25-27-30), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 172(190-210-230-248-268)m.

Lavorare altri 12 giri.
Quinto giro di diminuzioni: * 1dir,2ass al dir,19dir(21-25-26-29-31),2ass al dir,20dir(22-24-27-29-32), 2ass al dir,

19dir(22-24-27-29-31), 2as al dir,16dir(18-20-23-25-28), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta.= 162(180-200-220-238-258) m:

Lavorare altri 12 giri.

Sesto giro di diminuzioni:* 1dir,2ass al dir,18dir(20-24-25-28-30),
2ass al dir,19dir(21-23-26-28-31), 2ass al dir,18dir(21-23-26-28-30), 2as al dir,14 dir(16-18-21-23-26), 2ass al dir,1dir*rip un’altra volta= 152(170-190-210-
228-248)m.

Lavorare fino a 35cm(35-37-37-37,5-37,5)dal segno.
DIVISIONE DIETRO DAVANTI: con i ferri diritti,chiudere  4(5-7-8-8-9) m,dir fino al segno successivo,passare le restanti  76(85-95-105-114-124)m
su un ferro (o spilla, o ferro circolare a cui metterete i tappetti) per il davanti.

Girare e chiudere 4(5-7-8-8-9)m,poi lav rov fino alla fine.= 68(75-81-89-98-106)m.
DIETRO: diminuizioni(dir del lavoro):3dir,2ass al dir,dir fino alle ultime 5m,SSK(lav 2 m assieme ritorte),3dir= 66(73-79-87-96-104) m.

Ripetere queste diminuzioni a tutti i ferri diritti per altre  3(6-7-11-14-18) volte= 60(61-65-65-68-68) m.

Continuare a lavorare fino a  a che lo scalfo misurerà17,5cm(17,5-19-20-22-22,5) finendo con un ferro rov.

SPALLE E SCOLLO:f succ(dir del lav):chiudere 4m,lav dir fino a che avrete  are 11(11-13-
13-15-15) m sul ferro di destra,prendere un altro gomitolo,e chiudere le  30(31-31-31-30-30)m centrali,poi lav dir fino alla fine.

Lavorando le due parti separatamente ma contemporaneamente,chiudere 4m all’inizio del ferro succ,quindi 3(3-4-4-5-5) m all’inizio dei succ 4 ferri per le spalle.
Allo stesso tempo,chiudere ai lati dello  scollo ,1 volta 3m, poi 1 volta 2 m.
DAVANTI: al dir del lavoro rimettere sul ferro le  76(85-95-105-114-
124) m in attesa,chiudere  4(5-7-8-8-9) m all’inizio dei succ 2 ferri=68(75-81-89-98-106) m.
DIMINUZIONI (dir del lav): 3dir,2ass al dir,dir fino alle ultime 5m,SSK,3dir= 66(73-79-87-96-104) m.

Ripetere queste dim ad ogni ferro dir, per altre  3(6-7-11-14-18) volte..
Quando lo scalfo misura 5cm(5-7-7,5-9-10),(quindi prima di aver completato tutte le diminuzioni,)e ad un ferro sul rov del lav, mettere un segno ai lati delle
40(41-41-41-40-40) m centrali.
SCOLLO: f succ(dir del lav):continuando a fare le dim degli scalfi,lav fino a 14 m prima dell’ultima dim dell’ultimo segno  messo alla fine delle m centrali,fare 1 acc doppia(pasare 1m, lav 2 m assieme, accavallare),3dir, prendere un altro gomitolo ,lav 3 dir,SSK,poi lav fino alla fine= 37(38-38-38-37-37) m tra i segni.

mentre completate le dim dello scalfo,diminuite 2m al lato sin dello scollo (1acc doppia 3 dir)
ad ogni ferro dir,per altre 17 voltementre diminuite 1m sul lato destro dello scollo(3dir,ssk)ogni 4 ferri per  altre 3(4-4-4-3-3) volte.

Quando avrete completato tutte le dim sia dello scalfo che dello scollo,lav ancora sulle  10(10-12-12-14-14) m di ogni lato fino a che lo scalfo misurerà 17,5cm(17,5-19-20-22-22,5),finendo al rov del lav.

Chiudere allo scalfo 1 volta 4m,poi 2 volte 3(3-4-4-5-5) m per le spalle.
Finite le spalle, non vi resterà che cucirle..

Read Full Post »

A seguito di una richiesta di una lettrice, ripubblico questa tabella di misure, che forse sarà utile a molte.

Vanda, (   http://ilmiomondodilana.blogspot.com/: )una lettrice del blog,mi ha mandato ,  questa tabella:

Grazie Vanda!

Read Full Post »

434px-Herbert_Kitchener_1914

Grazie ad una gentile lettrice, ho fatto questa stupefacente scoperta: quello che noi comunemente chiamiamo punto maglia( quello che si fa con l’ago per chiudere un lavoro) nel mondo anglosassone viene chiamato:”Kitchener st” e non sapevo perchè, ma ecco l’origine:

Lord Kitchener era anche un appassionato di lavoro a maglia, al punto di farsi ritrarre durante la guerra boera con in mano i ferri e un calzino in lavorazione (il ritratto è attualmente esposto alla National Portrait Gallery di Londra). Gli si attribuisce l’invenzione della chiusura a punto calza (in inglese Kitchener stitch).

NPG 1782; Horatio Herbert Kitchener, 1st Earl Kitchener of Khartoum by Sir Hubert von Herkomer, and  Frederick GoodallKitchener  associò il suo nome a quello delle donne britanniche nel  progetto della croce rossa per rendere più confortevole la vita ai soldati canadesi, americani e inglesi   con lavori a maglia di sciarpe e calzini  e guanti ; disse infatti di avere contribuito  nel disegno della lavorazione delle calze  chiudendo le punte  a punto maglia con l’ago:” square-ish ‘grawfted’ toe”la punta sembra senza cuciture  cosa che rende più confortevole  indossarli per le truppe  e che fu meglio conosciuta con il nome di ‘Kitchener stitch’.

Men-Knitting-Shorpy2

http://www.shorpy.com/node/7100

firefighters

205_c___engine_co._no._6_fire_dept._nashville_men_knitting_large

..e potrei pubblicarne tante altre..

provate a cercare nel web:Men knitting..

Eccovi la tecnica:

Biografia

Kitchener nacque a Ballylongford nella contea di Kerry, in Irlanda. Suo padre era il Tenente Colonnello Henry Horatio Kitchener, sua madre Frances Anne Chevallier-Cole. Proveniva da una famiglia benestante appartenente alla borghesia protestante irlandese. Suo padre era un proprietario terriero: aveva acquistato infatti dei terreni in Irlanda dopo la Carestia della Patata. Quando la famiglia si trasferì in Svizzera per cercare di curare la tubercolosi di cui era affetta la madre, il giovane Horatio fu mandato all’Accademia militare Reale a Woolwich. La sua prima partecipazione ad un conflitto fu quando, durante la guerra franco-prussiana del 1870 si arruolò come volontario, servendo in un ospedale da campo francese.

Carriera Militare

Ufficiale di colonia, riorganizzò l’esercito egiziano dopo la morte del generale Gordon a Khartum, e nel 1898 lo guidò nella battaglia di Omdurman contro i dervisci del Mahdi, Muhammad Ahmad bin Abd Allah: la perfetta preparazione dell’impresa, particolarmente difficile sul piano logistico, e l’uso innovativo e micidiale delle mitragliatrici, diedero una facile vittoria a Kitchener. In seguito alla vittoria fu creato nobile dalla Regina Vittoria che gli concesse il titolo di Barone Kitchener di Karthoum. Nel 1902 e nel 1914 rispettivamente Edoardo VII e Giorgio V lo elevarono di grado nella Paria, nominandolo prima visconte poi conte Kitchener. Giocò un ruolo fondamentale nella riorganizzazione dell’esercito britannico durante la seconda guerra Boera, come capo di stato maggiore e principale collaboratore del comandante supremo, il feldmaresciallo Frederick Roberts. Fu proprio Kitchener, divenuto comandante in capo nel gennaio 1901, ad introdurre l’uso dei campi di concentramento durante la guerra anglo-boera: ne furono vittime non meno di ventiseimila donne e bambini.

Nel 1902, dopo la fine della Guerra Boera, fu nominato Comandante in Capo dell’Esercito Reale Indiano, carica che tenne fino al 1909. Durante la prima parte del suo mandato, agì di concerto con il viceré dell’India Lord Curzon, riuscendo a migliorare di molto la condizione generale delle forze armate indiane. Quando però cercò di concentrare nelle sue mani ogni decisione riguardante l’ambito militare, entrò in conflitto con Lord Curzon. Quest’ultimo, uscendo sconfitto dal braccio di ferro con il generale, si dimise. Kitchener nonostante avesse conoscenze influenti a Londra, non riuscì ad ottenere la desiderata nomina a Viceré dell’India. Rientrato in patria dopo essere stato nominato Field Marshal, rifiutò l’offerta di divenire Comandante in Capo del Mediterraneo dopo aver ottenuto l’assenso del morente Re Edoardo VII. Il governo liberale in carica di H.H. Asquith lo nominò dunque Agente britannico e Console Generale in Egitto nel 1911. Nel giugno 1914 fu nominato Conte Kitchener.

Allo scoppio della Grande Guerra il Primo Ministro H.H. Asquith lo richiamò in patria, ben conscio delle capacità organizzative del Maresciallo, nominandolo Segretario di Stato alla Guerra. A dimostrazione della capacità di Kitchener sta la previsione (fu uno dei pochi a capirlo) che la guerra sarebbe durata a lungo, perlomeno 3 anni.

L’esercito britannico, formato esclusivamente da volontari e da specialisti, non era adeguato alle necessità dell’immane conflitto mondiale, Kitchener riuscì a far adottare la coscrizione obbligatoria e a preparare 33 nuove divisioni di linea, oltre ad una trentina di divisioni territoriali: un esercito che ebbe un’importanza decisiva fra il 1916 ed il 1917, quando toccò agli inglesi assumersi il maggior peso della guerra per consentire ai francesi indeboliti di ricostituire le proprie forze. I britannici chiamarono questo esercito, il maggiore mai visto nella storia inglese, col nome di Armata Kitchener, a testimonianza del grande contributo dato da questi allo sviluppo delle forze armate del Regno Unito.

Nel maggio 1916, dopo che lo zar Nicola II aveva chiesto la consulenza di Kitchener per riorganizzare il proprio esercito, Kitchener si imbarcò prima sull’HMS Oak, per poi trasferirsi sull’HMS Hampshire, un incrociatore corazzato. Durante la traversata la nave su cui viaggiava colpì una mina posata da un sommergibile tedesco, l’U-75. L’incrociatore HMS Hampshire a bordo del quale stava viaggiando il ministro, affondò nel Mare del Nord, uccidendo 643 uomini sui 655 che erano a bordo.

Onorificenze

Ad Horatio Kitchener furono concessi, oltre ai titoli di Barone, Visconte e Conte, numerosi ordini cavallereschi britannici. Nel 1915 poteva fregiarsi dei seguenti ordini: Ordine della Giarrettiera, Ordine di San Patrizio, Gran Croce dell’Ordine del Bagno, Ordine al Merito, Gran Croce dell’Ordine della Stella dell’India, Gran Croce dell’Ordine dei Santi Michele e Giorgio, Gran Croce dell’Ordine dell’Impero Indiano. Era inoltre membro del Consiglio Privato.

Note

Il manifesto del Regno Unito del 1914.

  1. ^ Anche se non perfettamente uguale, è il soggetto di un famoso cartellone chiamato Lord Kitchener Wants You per il reclutamento nell’esercito britannico durante la prima guerra mondiale, che verrà poi ripreso dagli Stati Uniti con il ritratto dello Zio Sam, e che verrà in parte sfruttato da George Orwell in 1984.

Read Full Post »

IL GUFO PORTAFORTUNA

http://d19rrbfgqc8cnd.cloudfront.net/assets/files/styles/pattern-main-image/public/pattern-files/images/main/owl-dishcloth-main.jpg?itok=9ZUD53m7

WEB-L-SnC-OwlKnitDishcloth-ENG

I Il gufo portafortuna, potrete lavorarlo sopra un cuscino o un pullover, lo schema lo potete stampare dopo aver cliccato il link sotto la foto.

Qui sopra una pezzetta che negli USA adoperano per lavare i piatti.. Ma non hanno inventato loro l’usa e getta?

Untitled

Read Full Post »

Come fare uno scollo a “V”:

scollo a v7da92a215colure

Lo scollo a  « V » si può fare in diversi modi:nudo (come quello della foto) , con un bordo aggiunto dopo, o lavorando ad esempio a legaccio o a p riso le 3/4 m ai lati dell’apertura centrale(in questo caso la diminuzione si farà prima del bordo sulla parte destra e dopo il bordo sulla parte sinistra).

Per ottenere lo scollo a V, si divide il lavoro a metà,si continua a lavorare con due gomitoli ,diminuendo 1m sui lati verso il centro, preferibilmente a 1 o 2 m dal bordo del centro,

esempio: su un davanti di  40m, si lavorano le prime 16m, si  fa una diminuzione sulle due m successive(1 accavallata o due m assieme ritorte), poi si lavorano 2 diritti, si lascia il gomitolo  con cui si è lavorato, con un altro gomitolo, si lavorano 2 dir dall’altro lato ,si lavorano 2 m assieme, poi si finisce il ferro.

Se avete invece previsto un bordo di 4 m ,la diminuzione la farete sulle 2m che precedono e seguono le 4 m.

Ferro succ rovescio, ferro succ, al dir del lavoro si ripetono le diminuzioni.

Si continua così fino ad avere terminato lo scollo secondo le indicazioni.

 MISURE

una lettrice del blog chiedeva di poter avere uno schema delle diverse misure, ho trovato questo sito dove trovate le diverse misure del corpo, per bambini e adulti, e poi il link ad un articolo già publicato, con le misure dei capi:

Un sito dove trovare le diverse misure del corpo,per grandi e bambini.
le misure sono quelle del corpo, quindi se dovete fare un capo, chiaramente sarà di qualche cm più largo.
 Un articolo con diverse misure di capi a seconda dell’età:http://lamagliadimarica.com/category/misure-2/
TABELLA MISURE BAMBINI  DA 0 A 36 MESI in cm:
                      torace                         vita                     fianchi
0-3 mesi:     da 41 a 43 cm            da 41 a 44      da 41 a 44

3-6 mesi:    da 43 a 45                  da 44 a 46      da 44 a 46

6-9 mesi:     da 45 a 46                 da 46 a 48     da 46 a 48
9-12 mesi:     da 46 a 48               da 48 a 49        da 48 a 49
12-18 mesi:da 48 a 50                 da 49 a 51          da 49 a 51
18 24 mesi:da 50 a 52                 da 51 a 53          da 51 a 53
da 24 a 36mesi:52                         53                      da 53 a 55

  Se le tue misure sono a cavallo tra due taglie, riferisciti a  quella più piccola per una vestibilità più aderente o quella più grande per una vestibilità più comoda. Se le misure di torace, girovita e fianchi danno come risultato taglie diverse, fai riferimento a quella  del torace.

 

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.351 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: