Feeds:
Articoli
Commenti

INNO AL BRODO(DI CAPPONE)

Natale è oramai vicinissimo, mai come quest’anno per me siamo passati al caldo afoso d’agosto al freddo dell’inverno:i corsi di maglia con tanti begli incontri, la Tv, i nipoti, l’ultimo raduno di maricarette… non mi hanno lasciato un momento per annoiarmi, e ora è Natale! Continua a leggere »

colloimages

Di questo se ne parlerà durante il corso a tema. Continua a leggere »

http://ficdn.fashionindie.com/wp-content/uploads/2008/10/22bb9031bc7713d135bdc29c6ad653a7-orig.png

Scambio di doni: ” La cucina economica” dedica questa torta al cioccolato a tutte le lettrici de “la maglia di Marìca”:http://lacucinaeconomica.blogspot.it/

Ecco un’altra giornata di pioggia in cui tuffarsi nelle proprie passioni. Non chiedo di meglio. Rumori di stoviglie che arrivano dalla cucina, teglie e tegami, la planetaria che gira, lo zucchero vanigliato e l’aroma del cioccolato che fonde. Seduta nella poltrona più comoda, i ferri stretti sui fianchi e le dita che si muovono veloci, il gomitolo che corre sul pavimento. Ventisette, ventotto, ventinove… sorrido soddisfatta, ho cominciato a lavorare a maglia solo da ventiquattro ore, per il momento riesco solo a mettere i punti ma so che presto sarò in grado di fare anche il famigerato topdown croce e delizia di tutte le appassionate di tricottage. La passione è nata per via telematica, contagiata dal web, conquistata dalla simpatia e bravura di Marica , artista assoluta del blog “ La maglia di Marica “, da visitare assolutamente e potendo, frequentare anche i suoi corsi.

A lei e a tutte le sue lettrici La cucina economica dedica una facile ricetta che, per onorare l’occasione, ho chiamato “ Topdown al contrario “, perché in giornate come questa è facile sentirsi un po’ giù, ma il dolce al cioccolato che trovate di seguito, con la sua croccante crosticina ed un cuore tenerissimo e umido, vi riporta velocemente al top:

Ingredienti per sei persone:
Burro – 100 g
Cioccolato fondente di ottima qualità – 200 g
Farina – 60 g
Latte – 3 cucchiai
Sale – 1 pizzico
Uova – 3
Zucchero – 150 g
Esecuzione:
spezzettate il cioccolato fondente e mettetelo a sciogliere a bagnomaria fino a che divenga cremoso e liscio. Tagliate il burro freddo a cubetti e aggiungetelo un poco alla volta al cioccolato fuso ancora sul fuoco, avendo cura di farlo assorbire bene prima di aggiungerne altro. Quando avrete disciolto tutto il burro, togliete il pentolino dal fuoco e lasciate intiepidire il composto.
Nel frattempo sgusciate le uova e ponete i tuorli a montare con metà dello zucchero: sbattete per bene con le fruste di uno sbattitore o con un robot da cucina fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Sempre sbattendo, unite il composto di cioccolato e burro a quello di tuorli e zucchero.
Unite al composto ben amalgamato il latte tiepido e la farina e incorporate bene tutti gli ingredienti: dovrete ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.
A parte, montate gli albumi con il pizzico di sale e il restante zucchero: sbattete fino a che non si formi una crema bianca compatta; poi, con un mestolo di legno o una spatola, incorporate delicatamente gli albumi montati a neve con lo zucchero al composto di cioccolato, mescolando dal basso verso l’alto. Il composto deve risultare come nella foto qua sotto:

Foderate con carta forno una tortiera del diametro di 24 cm e versateci dentro l’impasto della torta in modo uniforme. Infornate in forno già caldo a 180° per 25-30 minuti, quindi spegnete il forno, e lasciate raffreddare la torta tenendo lo sportello del forno socchiuso. Una volta fredda, estraete la torta dallo stampo (con molta delicatezza e stando attenti a non romperla) e ponetela su di un piatto da portata: e buonissima tiepida o anche fredda! Da servire con panna per i più golosi ma io la preferisco con una salsa di frutti rossi e una ” creme ” al cioccolato.

20121203-141146.jpg

20121203-143434.jpg

foto 3(1)foto 2(2) Continua a leggere »

Nei miei corsi di maglia do grandissima importanza alle rifiniture, e le mie allieve lo sanno.
Per avere un lavoro ben fatto, occorre buona lana, una buona mano( che magari si acquisisce con il tempo) e delle rifiniture fatte bene.
Usiamo il punto materasso per cucire le parti a m rasata ,ma per cucire quelle a legaccio….guardatevi questo video:

Questa me l’ha mandata Camilla,la mia nuora londinese   che ha “rubato”questa foto  una mattina nella metro a Londra.

Ealing-20121130-00728

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.030 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: