Annunci
Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘LIBRI’ Category

primo agosto 2013, forse qualcuna è già in vacanza, qualcun’altra sta per partire ,qualcuna le vacanze le ha guà fatte o.. non le farà per niente.. puó succedere, ma a tutte auguro una buona estate.

20130801-110947.jpg

cercando qualche immagine per augurare a tutte buone vacanze mi sono imbattuta in questo libro di soggetti marini da lavorare all’uncinetto: la tecnica si chiama “amigurumi” non ho assolutamente idea di cosa voglia dire e temo che difficilmente mi vedrà diventare una fan .. ma .. mai dire mai!
trovate il libro con lo sconto ma in inglese, in “libreria universitaria,” questo bel sito italiano di libri molto fornito e che ho già testato:

http://www.libreriauniversitaria.it/amigurumi-knits-patterns-for-20/book/9781589234352http://www.libreriauniversitaria.it/amigurumi-knits-patterns-for-20/book/9781589234352

un’altra immagine marina: i ricci
laspiegazione qui ma a pagamento
http://www.craftsy.com/pattern/knitting/home-decor/sea-urchin—flat-knit/53421http://www.craftsy.com/pattern/knitting/home-decor/sea-urchin—flat-knit/53421

20130801-111608.jpg

avgiungo qualche foto del mare quello della Feniglia( monte argentario) ci si artiva dopo aver parcheggiato nella pineta,10 minuti di passeggiata tra i pini e poi si esce sulla spiaggia libera , ma volendo si affitta ombrellone e lettino

20130801-151523.jpg

20130801-151622.jpg

20130801-151750.jpg

20130801-151824.jpg

Annunci

Read Full Post »

Vi avevo già presentato questo bel libretto di Adalberto Invernizzi, sulle sue esperienze di lavoro in paesi lontani, ora,sperando di farvi cosa gradita, ve ne do un assaggio, presentandovi delle “pillole” del libro.

Per un numero di anni che, mi rendo conto ora, è veramente considerevole, ho lavorato e vissuto in cantieri di costruzione in zone remote in Africa, in Medio Oriente ed Estremo Oriente.

Le pagine che seguono sono ricordi di fatti effettivamente avvenuti in questi anni. Intendiamoci bene. Non tutti i fatti sono avvenuti alle persone, nei luoghi e nei tempi riportati, ma sono avvenuti. Alcuni li ho vissuti in prima persona, altri mi sono stati raccontati da amici di assoluta fiducia ed affidabilità. Non ho dubbi quindi che siano veri. Alcuni personaggi poi sono in effetti la somma di più persone, persone che comunque  ho effettivamente incontrato.

Il fatto è che tutti gli eventi, vissuti in prima persona, oppure semplicemente raccontati da altri, sono ormai un’unica cosa nella mia memoria e ne fanno una matassa praticamente inestricabile dove è difficile distinguere il filo dal colore deciso e netto di ciò che si è vissuto in prima persona da quello di colore più incerto di ciò che si è sentito raccontare. Devo anche dire che questa mescolanza di colori mi appare persino più interessante e più ricca di sfumature.

Perché poi mettersi a dipanare questa matassa?.

Bella domanda.

Devo dire che ci ho pensato parecchio, prima di mettermi a scrivere queste pagine, ed alla fine mi sono dato questa risposta: mi dava fastidio che questa parte di vita vissuta da me e da altri mi si confondesse in un ricordo sempre più sfocato e senza senso. C‘erano personaggi a cui ero affezionato e mi spiaceva che scomparissero così, senza lasciare traccia. Alcuni di questi infatti erano, e sono ancora, personaggi di tutto rispetto.

Tutti, dal capo cantiere al topografo, dal semplice montatore all’operatore di pala meccanica, mettevano l’anima nel lavoro, ci mettevano creatività, metodo e fame di esperienza. Molti poi avevano una sorta di consapevolezza, magari confusa, che quel che stavano facendo, il ponte, la diga, la strada che contribuivano a costruire, fosse una partecipazione, più o meno importante, ma comunque un contributo concreto alla realizzazione di un “mondo migliore”, anche se detto così sembrano parole grosse.

Quasi tutti sostenevano che non era solo lo stipendio, ancorché lauto, a muoverli e neanche solo lo spirito d’avventura, il desiderio di conoscere paesi nuovi, desiderio che pure era sempre presente.

“Lei non mi crederà, ma piantando questi maledetti picchetti lungo l’asse e le sezioni di questo canale, sono convinto di fare qualche cosa di buono anche per gli altri, per quelli che qui ci verranno a campare una vita magari meno grama proprio per via di ‘sto canale”, mi disse una volta un topografo in mezzo al deserto siriano, dove stava da settimane tracciando una rete di canali per un lavoro di bonifica

Ecco, volevo ricordarmi e raccontare un po’ di questo mondo, fatto di gente che vive e lavora lontano da casa, con i suoi problemi, i suoi interrogativi.

La filastrocca riportata all’inizio, che un cantastorie etiope mi aveva cantato accompagnato dal suo strano strumento a corda, una sera in una locanda nella periferia di Addis Abeba, mi aveva colpito molto. Quelle domande mi avevano seguito sempre ovunque andassi, anche perché non avevo mai trovato una risposta soddisfacente.

Anche per questo ho voluto ricordare e raccontare. Scrivere a volte chiarisce le idee e le fissa.

Un’altra cosa. Consiglierei di dare una scorsa ai cenni storici, prima di leggere il testo. Aiutano a capire la tragicità della situazione nel Sud del Sudan nel quale si svolgono quasi tutti i fatti, situazione che dovrebbe registrare nel futuro un cambiamento radicale con la costituzione, avvenuta il 9 Luglio 2011, dello stato indipendente del Sud Sudan.

LA GARA D’APPALTO

Aprile 1982

Ricordo che quando negli uffici della Società arrivò la documentazione di gara per l’appalto dell’impianto, faticammo non poco a trovare sulle carte topografiche il sito dei lavori.

Sui tavoli dei tecnigrafi (allora si usavano ancora) rovesciati in piano come dei tavoli, erano stese carte topografiche, mappe stradali e geologiche, ed in molti le scrutavamo nella speranza di trovare il luogo sconosciuto e sperduto dove la Società avrebbe dovuto costruire l’impianto, se vincitrice della gara d’appalto internazionale.

“Ma dove cazzo si trova ‘sto posto”, sbottò il geometra P, responsabile dell’ufficio offerte, non proprio quello che si dice un raffinato conversatore ma con un’esperienza professionale di tutto rispetto.

“Se non si trova in culo alla luna a noi non interessa, non ci divertiamo, dico bene ‘ngegnè ?.”

Non aveva tutti i torti.

L’impianto doveva essere infatti realizzato sulla montagne dell’Upper Talanga, nella ”Imatong Central Forest Reserve”, nella regione di Equatoria, nel Sud Sudan. Nel cuore dell’Africa nera.

Difficile trovare a questo mondo un posto più a Sud del Sud Sudan. Difficile trovare un posto più arretrato anche dal punto di vista delle condizioni di vita o di sopravvivenza ma anche più interessante, se è per questo, dal punto di vista della fascino dei luoghi. Le due cose spesso vanno di pari passo d’altronde.

Perché poi, effettivamente, tutti i lavori che ci capitavano fossero, come diceva il geometra, “in culo alla luna”, questo non l’ho mai capito. Di fatto era così. Ci eravamo specializzati in lavori in luoghi remoti e disagiati ed un cantiere facilmente raggiungibile, normale, non ci capitava neanche per caso.

In Nigeria avevamo costruito case, acquedotti, impianti vari, sul Mambilla Plateau, 2.000 metri di quota, dodici ore di Land Rover per raggiungerlo dal luogo abitato più vicino e, se era piovuto, il che nella stagione delle piogge succedeva ogni giorno, ce ne volevano ventiquattro di ore. Ventiquattro ore su strade argillose o in Laterite[i] che diventavano scivolose come fossero di sapone


[i] Laterite. Dal latino later, mattone. E’ una formazione di superficie presente in aree tropicali a clima caldo-umido, ricca di ferro e alluminio, che si sviluppa con la meteorizzazione intensa e di lunga durata della roccia madre sottostante. La presenza di ossidi di ferro, è all’origine del loro colore rosso-marrone. La laterite tipica appare porosa e simile all’argilla.

Lungo il percorso trovavi villaggi sperduti di capanne di paglia e fango, dove non avevano ancora scoperto i pantaloni e la camicia e si diceva che in certi periodi dell’anno facessero ancora sacrifici umani. Lo strano era che i pantaloni non li avevano ancora adottati ma la bicicletta sì. A sera, spesso, potevi vedere lungo le strade sterrate che collegavano un villaggio ad un altro, in mezzo al bush[i] o alla savana, un omino in bicicletta, col perizoma o gonnellino, con la lancia legata alla canna della bicicletta, l’arco e le frecce a tracolla, che si dirigeva al luogo prescelto per la caccia. Sperava di portare a casa qualche francolino, una pernice, una lepre e far fare alla numerosa famiglia una cena migliore.

Tra l’altro in questi posti ti capitavano talvolta anche piacevoli, assolutamente imprevedibili, sorprese. Ad esempio, in uno di questi villaggi lungo il percorso per il Plateau, avevo avuto la ventura di mangiare, per la prima volta in vita mia, un meraviglioso stufato d’asina, squisita specialità di Parma.

Le cose erano andate così. Nei pressi del villaggio il governo nigeriano aveva commissionato ad una società parmense, rinomata nel settore del macchinario per la produzione del concentrato di pomodoro, una piantagione di pomodori ed una fabbrica di concentrato, appunto. La piantagione veniva realizzata sotto la supervisione di un agronomo che risiedeva nel villaggio per buona parte dell’anno, sorvegliando la crescita dei preziosi pomodori.

Passavo periodicamente di lì ogni volta che dovevo raggiungere il Plateau per la visita di supervisione dei lavori che la Società stava eseguendo lassù e spesso interrompevo il viaggio per una visita all’agronomo. Tipo alto, magro, sempre abbronzato, e vorrei ben vedere con la vita all’aria aperta che faceva, sui quarant’anni, lo sguardo leggermente assente di chi è abituato a stare sempre da solo, la prolissità nel parlare di chi è abituato a stare sempre zitto. Marcato accento parmense.

Nella sua villetta si era circondato del necessario per vivere il più agiatamente possibile. Una fornita raccolta di cassette di film e musica, vari frigoriferi pieni di ogni leccornia europea, generatore elettrico, bottiglie di vino italiano, una ‘domestica’ tuttofare, una bella yoruba[i] dagli occhi neri come perle nere e dalla pelle vellutata dai riflessi viola. Inoltre, allevava con cura, a scopo puramente culinario, un’asina ed un paio di gazzelle alle quali dava da mangiare le cose migliori, in attesa che arrivassero al peso ottimale.

Una sera, in transito verso il Plateau, ospite suo, “vè mo chi” , mi disse, “che stasira at fag mangier quel da alchert i did”, stasera ti faccio mangiare qualcosa da leccarti le dita, e mi venne servita questa prelibatezza: lo stufato d’asina. Eccezionale.

In Etiopia avevamo lavorato nell’Illubabor Region e nella Kaffa Region. Anche qui giornate di viaggio da Addis Abeba, in mezzo ai monti, incontrando pochi sperduti villaggi

Catene di montagne che si perdevano nell’azzurro del cielo. Lungo le strade sterrate qualche viandante con il caratteristico bastone, o con un vecchio fucile, spesso il nostro vecchio modello ‘91, lascito della nostra passata presenza civilizzatrice, messo di traverso sulle spalle a sostenere le braccia allargate, come in croce.

Adesso ci toccava il Sud Sudan. L’Imatong Central Forest Reserve. Mica scherzi in fatto di remoteness.

Per i vecchi africaners che sono ancora lì a rimpiangere la vecchia Africa coloniale (sembra strano ma se ne trova ancora qualcuno), tipo: “Eh! La savana incontaminata, eh! la foresta vergine, gli animali allo stato brado che potevi cacciare, la caccia grossa, gli indigeni selvaggi, ecc. ecc.”, il Sud Sudan è rimasto l’unico pezzetto di Africa ancora a quello stadio.

In Kenya ti mettono in prigione se ti trovano con un pezzetto d’avorio grande come una biglia. Non parliamo della caccia grossa. Abolita totalmente. Ma non solo quella cosi detta ‘grossa’ ma anche quella ai volatili, alle pernici, ai francolini. E gli indigeni selvaggi?


[i] Yoruba. Tribù nigeriana del Sud Nigeria. Gli Yoruba sono un vasto gruppo etno-linguistico di circa 40 milioni di persone diffuso nell’Africa occidentale. Sono presenti soprattutto in Nigeria (costituiscono il 30% della popolazione nigeriana), ma anche in Benin, Togo e Sierra Leone. Nel periodo della tratta degli schiavi molti abitanti di queste regioni furono deportati nelle Americhe; si trovano comunità riconducibili al gruppo Yoruba anche in Brasile, Cuba, Porto Rico, Trinidad, nei Caraibi e negli Stati Uniti.

La religione tradizionale Yoruba è complessa e dotata di un ricco olimpo di divinità. Dal XIX secolo in poi, gli Yoruba si sono in gran parte convertiti al Cristianesimo (e in misura minore all’Islam). Tuttavia, una porzione significativa della popolazione Yoruba continua a praticare in qualche misura i culti tradizionali.

Durante il periodo coloniale e lo schiavismo la religione tradizionale Yoruba si è integrata con il cristianesimo e con le mitologie dei nativi americani. Questa combinazione ha dato luogo a numerosi nuovi culti, fra cui spiccano: Santería (Cuba, Porto Rico), Candomblé (Brasile), La religione Yoruba è anche uno degli ingredienti (insieme a molte altre influenze) della religione Vodun di Haiti, a cui è correlata la pratica del Vudù.


[i] Bush. Boscaglia. Macchia. Terreno a macchia, zona selvaggia.

.…ecco finora accontentatevi di questo, pubblicherò ancora qualche stralcio, ma , a questo prezzo, comperatelo..

Pagine tratte dall’eBook «Il Bulldozer e lo Stregone della Pioggia» di Adalberto Invernizzi (Simonelli Editore, € 3,99) 

© Worldwide Copyright Simonelli Editore srl

eBooksItalia.com

http://www.ebooksitalia.com/ita/detail_ebook.lasso?codice_prodotto=20130127193629690338

Read Full Post »

51CQygC+HRL._AA258_PIkin4,BottomRight,-32,22_AA280_SH20_OU29_Fare maglia ,va bene, anzi ,benissimo, rilassa ed è creativo, quindi ci gratifica,ma..bisogna anche continuare a leggere, ed è stata una bella sorpresa questo bel libro, che mi sono scaricata sull’Ipad, e mi sono letta d’un fiato nel viaggio di ritorno da Londra.

Quindi che ne dite se inauguriamo una nuova categoria, quella dei libri?

Mandate le recensioni dei libri che più vi sono piaciuti, (come anche potremmo parlare di viaggi, o di bambini..siamo donne ,e quindi pare che di circolare abbiamo non solo i ferri, ma anche il pensiero!

Si legge come un romanzo, e del romanzo ha la leggerezza, ma i temi trattati sono reali, e leggendolo si apre  una finestra su una realtà, di cui noi occidentali,cresciuti in paesi diciamo così “sviluppati” ,non abbiamo idea.

mai pesante, pur trattando temi importanti, ma anzi mette la voglia di approfondire.

Aspettiamo i prossimi libri di Adalberto Invernizzi.

“Un giorno l´ingegner Adalberto Invernizzi, piemontese arrivato in Sudan per costruire uno stabilimento per la produzione del tè, inseguendo una gazzella capitò in un piccolo convento copto nel deserto. I due monaci che vivevano laggiù offrirono all´ingegnere un pasto frugale e dopo aver mangiato uno dei due gli domandò: perché sei qui, nel mezzo del deserto, così lontano dal tuo paese? Per lavoro, rispose. Sì, capisco, disse il monaco, ma la ragione vera qual è? Per i soldi, dato che ci pagano bene. Non credo che sia solo questo, disse ancora il religioso: chi viaggia o lavora in posti così lontani lo fa per fuggire disperatamente da qualcosa o per cercare disperatamente qualche cosa. Tu da cosa fuggi o cosa cerchi?

Come la maggior parte dei piemontesi Invernizzi è poco portato a perdersi in speculazioni. Nel suo libro Il bulldozer e lo stregone della pioggia si limita a raccontare quello che vede e la vita di tutti i giorni in un cantiere africano negli anni Ottanta. Racconta di sciamani morti per far piovere, ragazze uccise per amore, solitudini europee e americane nei pochi hotel coloniali, leggende come la legione scomparsa, quella che Nerone mandò alla ricerca delle fonti del Nilo e che non tornò mai più per dare vita alla tribù dei Masai. Racconta del lavoro inutile di costruire ponti, canali, fabbriche per dare lavoro ma che l´ennesimo golpe o l´ennesimo esercito di liberazione renderà inservibili. No, non sono i soldi, non è la missione quello che porta certi uomini così lontano.”

di dario olivero
Twitter: daolivero

Il libro , si compera QUI:http://www.amazon.it/Bulldozer-Stregone-della-Pioggia-ebook/dp/B00B73TDIO

con 4,11 euro.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: