Annunci
Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘bidet’

20140523-174356.jpg

Il bidet inizia a comparire negli arredamenti francesi tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo, ma non si conosce né la data certa né il nome del suo inventore. La prima testimonianza certa risale al 1710, anno in cui il probabile inventore, Christophe Des Rosiers, lo installò presso l’abitazione della famiglia reale francese. In realtà i bidet, immediatamente dopo l’introduzione, furono poco utilizzati in Francia; a Versailles ne esistevano in circa cento stanze, ma furono dismessi tutti in una decina di anni. I pochi esemplari usati finirono nelle case d’appuntamenti.

Nella seconda metà del Settecento la Regina di Napoli Maria Carolina d’Asburgo-Lorena volle un bidet nel suo bagno personale alla Reggia di Caserta, ignorando l’etichetta francese di “strumento di lavoro da meretricio”. Dopo l’unità d’Italia, nella Reggia di Caserta i funzionari sabaudi si trovarono di fronte al bidet che non conoscevano e, dovendo redigere l’inventario degli oggetti presenti, lo catalogarono come “oggetto per uso sconosciuto a forma di chitarra”.[senza fonte]

Dal 1900, durante l’età vittoriana, con la diffusione delle tubature all’interno delle case private, il bidet divenne un oggetto utilizzato non più in camera da letto, ma nel bagno, insieme al water, che sostituiva il vaso da notte tenuto in camera.

Nel 1960 invece ci fu l’introduzione sul mercato di un sanitario risultante dall’unione del water con il bidet, particolarmente utile in piccoli ambienti in cui i due sanitari non troverebbero posto; esso è a volte detto bidet elettronico, ma la sua diffusione in Italia non ha incontrato favore.

Diffusione nel mondo
I bidet non sono presenti in tutti i paesi europei,sono comuni solo in Grecia, Spagna, Portogallo e soprattutto in Italia, unico paese nel quale l’installazione di un bidet è obbligatoria .
Secondo un sondaggio francese del 1995, è l’Italia il paese in cui il bidet è utilizzato più di frequente (97%), seguito dal Portogallo al secondo posto (92%) e dalla Francia al terzo posto (42%); in Germania il suo uso è raro (6%) e in Gran Bretagna rarissimo (3%).[5][6]

In America Latina i bidet si trovano in Brasile e soprattutto in Argentina, dove sono installati nel 90% delle case private; sono abbastanza comuni anche in Medio Oriente. In Giappone, pur essendo pressoché assenti, sono però sostituiti nella funzione da un sanitario che unisce le funzioni del water e quella del bidet, detto washlet, presente nel 60% delle case private e non raro negli alberghi.

In Francia, Paese d’origine del bidet, a partire dagli anni settanta, per ragioni di economia e di spazio, sono raramente installati bidet nei nuovi appartamenti (dal 95% di presenza nei bagni nel 1970, la percentuale è scesa al 42% nel 1993) e una grande quantità di persone ha eliminato il bidet dalla propria casa[6][7][8].

I residenti di paesi in cui il bidet domestico è raro (come gli Stati Uniti e il Regno Unito, ad esempio) possono non avere alcuna idea di come usarlo quando ne incontrano uno all’estero. Gli americani hanno visto per la prima volta il bidet nei bordelli francesi durante la Seconda guerra mondiale e ancora collegano questo sanitario a qualcosa di equivoco.
I pregiudizi sono comuni tra gli abitanti di questi paesi, che a volte considerano il bidet un oggetto strano e anche sporco; ciò fa parte dei tabù legati all’igiene personale. D’altra parte gli abitanti di paesi in cui il bidet è comune si stupiscono ed incontrano difficoltà quando si trovano in paesi in cui questo sanitario è assente.

Immagino comprenderete il motivo per cui ho pubblicato questo articolo,vero?
Ma a parte questo, Boston ,gran bella cittá e così poco americana..
Sveglia dalle 5 del mattino,all’una sarei pronta per tornare a letto per cui il resto della giornata passa nel tentativo di non cadere nella fase rem..
Non so che ora sará quando mi leggerete.. comunque cena del venerdì sera in un ristorante direi orientale, e tra penso un migliaio di proposte del menù, dopo aver cercato qualcosa che assomigliasse vagamente ad un cibo conosciuto, sono riuscita a mangiare del sushi gelato, ma un’ottima anatra contornata da vegetali vari e una coppetta rosa e dolciastra,però buona; in questi momenti non può non venire in mente Alberto Sordi nel film l’americano a Roma,che dopo aver provato a mangiare yogurt e marmellata, conclude”questo lo diamo al gatto, questo al sorcio poi si butta sulla pasta concludento”a maccaroni, mi avete provocato..”

20140523-174419.jpg

20140523-174440.jpg

20140523-174457.jpg

20140523-174511.jpg
Finalmente entro in n negozio di lane..e scopro che non solo costa mediamente 10 dollari al gomitolo, ma anche che è made in Italy!
Molto carina la proprietaria ha voluto il nome del mio blog,e guardandolo dal pc emetteva squittii di piacere..
Comperato un gomitolo di cotone nero per il top di Camilla(10 dollari) ma lungo 197 metri..

20140523-174850.jpg

20140523-174902.jpg

20140523-174921.jpg

20140523-174936.jpg

20140523-174950.jpg
Sabato mattina
Alleluia! Oggi finalmente mi sono svegliata alle 6,30! Forse il jet lag sta passando e non rischierò di finire sotto una macchina alle 2 del pomeriggio in piena fase rem..
Ieri sera dopo la cena..orientale abbiamo fatto un giro attorno ad Harvard, che andrò a visitare la settimana prossima, oggi partiamo oer Cape Cod, passando da Plymouth, che è il posto dove sono arrivati i primi coloni dall’Inghilterra, con la May flower,120 persone e un viaggio durato 66 giorni..

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: