Feeds:
Articoli
Commenti

Il completo sexy

IMG_0324Flavia cresce..a vista d’occhio!
E io devo adeguarmi..
Poi avendo due fratelli maschi la sua tenuta preferita sono jeans e felpe; per cui se voglio che ancora si metta le cose fatte da me devo..sedurla con colori attraenti è bottoncini a cuore!
Con l’ultimo cotone ho fatto allora questo completo: il cardigan nero cotone Rowan( Merceria Capuano, piazza della Torretta, un saldo estivo) vestitino ,cotone Sh….comperato al mercato del martedì di viale Tiziano.

IMG_0327.JPG

IMG_0328.JPG

Tutto ovviamente topdown

 

Ma lavorato con i ferri diritti:

IMG_0326.JPG

IMG_0329.JPG

A breve la spiegazione del modello con misure da 2 a 8 anni , scaricabile pagandolo con paypal

Informazioni su questi ad

IMG_1936.JPG

Un modello semplice, da lavorare in modo tradizionale , cambiate il colore e andrá bene anche per un maschio.

Io lavorerei a punto riso anche la parte alta della manica  alla stessa altezza sel davanti-dietro.
Punti: riso e m rasata

p riso:su un n dispari di m,”1 dir,1 rov” ripetere sempre questo ferro-

FAIRYTALE SOFT DK 50g gom Garment pictured is in #06311 (fuchsia).
6 7 8 gomitoli
Ferri 4 e 3,75

taglie: 1-2 2-3 3-4 anni
Per una circ agli scalfi di: cm 51 56 61

Circ capo finito: cm 59 65 70

lunghezza cm 29 33 38

Lungh maniche: cm 19 23 27

Campione:22 m per 30 ferri con ferri 4 =10 cm

Dietro e davanti( sono uguali)
con i ferri 3.75 montare 73 (83-93) m e lav a p riso per 8 ferri.
Cambiare con i ferri 4 ,e proseguire a m rasata.
Diminuire 1 m ai lati del quinto ferro,( dopo la prima m fare un’accavallata,quando restano 3 m alla fine del ferro,lav due m assieme poi un dir),poi ogni 8 ferri fino ad avere 65 (71-77) m sul ferro.
Cont senza più dim fino a 17 (20-24) cm ,finendo con un f rov.
Cambiare con i ferri 3,75 e proseguire a p riso per 4 ferri.
Scalfi
Chiudere 3 m all’inizio dei succ 2 ferri=59 (65-71) m.
dim una m ai lati del ferro ogni 3 ferri per 3 volte(vuol dire che ci sono 3 ferri tra un ferro di dim e l’altro: f di dim, 1 ferro rov del lav,un f dir del lav,un f rov del lav,altro f di dim) ,poi ogni due ferri per 2 (3-4) volte= 49 (53-57) m.
Cont senza dim fino a che lo scalfo misurerá 11 (12-13) cm, finendo al rov del lav.
Spalle e scollo
Chiudere 3 (3-4) m all’inizio dei succ 4 ferri,poi chiudere 3 (4-3) m all’inizio dei succ due ferri= 31 (33-35) m.
Lav 8 ferri a p riso
Con i ferri 4 chiudere lavorando a p riso.
Maniche
Con i ferri 3,75 montare 31 (33-35) m lav 8 ferri a p riso ,poi con i ferri 4 proseguire a m rasata diminuendo una m ai lati del ferro successivo,poi ogni 6(6-8) ferri fino a che resteranno 41 (39-53) m.
Solo per le prime due misure:aumentare una m ai lati del ferro ogni 8 ferri fino ad avere 45 (49) m.
Per tutte le misure:cont senza dim o aumenti fino a 19 (23- 27) cm, finendo con un f rov.
Arrotondamento per la spalla
Chiudere 3 m all’inizio dei succ 2 ferri=39 (43-47) m
Diminuire 1 m ai lati di ogni ferro per tre volte,poi ogni due ferri per 4 volte, poi ad ogni ferro fino a che resteranno 15m.
Chiudere le m.
Cucire le spalle e il bordino laterale del collo,i sottomanica,inserire e cucire le maniche,cucire i fianchi.

fhttp://www.makeitcoats.com/en-gb/images/Aug_1_Girls_Sweater_tcm71-154622.pdf

IMG_0144

 

 

Chi mi segue dall’inizio si ricorderà di questo  bel modello di Petra Orrteck, (l’originale si trova qui:http://www.ravelry.com/patterns/library/lilla-koftan  ed è FREE..)del lontano..maggio 2010..

il mio articolo con la spiegazione in italiano,qui:http://lamagliadimarica.com/2010/05/18/lilla-koftan/

ma chi ha iniziato da poco a frequentare il blog, magari non lo conosceva.

Così come tanti altri che forse sarebbe il caso di rivisitare.

Trovo che è sempre di grande attualità; si lavora, topdown quindi, con due tecniche: gli aumenti sparsi lungo lo sprone ,fino ad un certo punto, e poi gli aumenti ai raglan.

L’originale contiene solo una misura, io ne ho aggiunte altre: quindi spiegazione per 3 /6 mesi e poi 12,24 e 3/4 anni.

Quando si lavora il topdown con gli aumenti sparsi lungo lo sprone, seguo questo metodo:dopo aver fatto il bordo(nei casi in cui c’è, qui si lavora a legaccio qualche ferro) faccio, sul diritto del lavoro, un aumento intercalare ogni 2 m, poi lavoro 6 ferri senza aumenti, poi ancora un ferro di aumenti ma a distanza di 3 m uno dall’altro; se il mio modello prevede solo aumenti sparsi, continuo a ripetere il ferro di aumenti distanziati da 6 ferri e aggiungendo sempre una m tra uno e l’altro, fino a 6 ferri dalla separazione delle maniche dal corpo; lavoro i 6 ferri e poi separano le m delle maniche.

In questo caso invece gli aumenti lungo lo sprone vengono fatti solo per qualche ferro per poi passare agli aumenti ai raglan:

I primi aumenti allo sprone sono intercalari(risultano meno visibili) e ai raglan lavorando 2 volte la m prima e la m dopo il segno che avrete messo ai raglan.

Nella pagina Ravelry del modello ,a destra (dove sta scritto “159 projects “),trovate le realizzazioni di quelle che lo hanno fatto, con   tante idee per realizzazioni diverse e consigli:

 

 

 

lilla k IMG_2030_medium2

lilla k 2 20130917_121801_medium2

lilla k 4 IMAG0117_medium2

 

 

 

 

 

La lana..che viaggia!

Per le viaggiatrici,se state progettando un viaggio a Parigi ecco i negozi di lana dove potrete fare un salto tra un museo e un croissant:
Primo fra tutti,”La Droguerie”

9-11 Rue du Jour, Paris
+33 1 45 08 93 27

IMG_1959.JPG
Non solo per la lana e i tanti libri di modelli di maglia per bambini( e non solo) ma perché è un luogo storico, bello da visitare :ex drogheria dove bottoni e merletti sono riposti nei vecchi vasi che contenevano spezie.
Spesso molto affollato, ma potrete trovarlo anche qui:

Al terzo piano del” Bon Marché Rive Gauche”
24, rue de Sèvres 75007 Paris
Tél : 01-44-39-80-00
Métro : Sèvres-Babylone
Orari : dalle 10h alle 20h il lunedì,martedì,mercoledì e sabato,e dalle 10 alle 21 il giovedì e venerdì.
Nella merceria dovo sono presenti anche le altre firme della maglia francese e internazionale:( Phildar,Rowan..)

IMG_1960.GIF

Altro luogo di culto per le knitter è :

Lil Weasel
1 passage du grand cerf
75002 PARIS
Grossa merceria parigina,troverete oltre alla lana: modelli, nastri e bottoni e tessuti liberty:

IMG_1961.JPG

Ma ora dirigiamoci verso il MARAIS,che è la parte di Parigi che preferisco, dove Place des Vosges merita una parentesi:
“, Enrico IV di Francia decise di realizzare l’attuale piazza, la prima piazza reale di Parigi, facendovi costruire edifici identici sui quattro lati.
La piazza venne inaugurata nel 1612 in occasione dello spettacolo equestre indetto per festeggiare le nozze di Luigi XIII con Anna d’Austria.

Su ciascuno dei quattro lati, lunghi 140 metri, si affacciano nove caseggiati che formano una parete continua.Al piano terra si aprono dei porticati e nel mezzo della piazza è presente un giardino, che prende il nome dal monumento equestre a Luigi XIII che si trova al suo interno. Ogni casa presenta fasce verticali e cornici di conci in pietra calcarea bianca alternate a fasce di mattoni, che creano una raffinata tricromia con l’ardesia blu dei tetti.

I padiglioni destinati al re e alla regina, abitati solo in circostanze occasionali, furono disposti al centro dei lati orizzontali a nord e a sud, e sono rialzati e leggermente sporgenti verso il centro, mentre sotto ad essi passano le strade che portano all’esterno.

La piazza offriva così l’immagine dell’Assolutismo razionale, con le differenze tra i singoli abitanti livellate in favore dell’uniformità esteriore.

La piazza divenne luogo privilegiato dall’aristocrazia e mantenne il nome di Place Royale fino alla Rivoluzione, quando dal 1799 prese il nome del primo dipartimento che pagò le tasse al nuovo stato repubblicano (i Vosgi appunto).

Un palazzo che si affaccia su Place des Vosges è il teatro del delitto che fa da sfondo al romanzo “L’ombra cinese” di Georges Simenon, con protagonista il Commissario Maigret. Altro palazzo importante è l’Hotel Arnaud, ove visse, fino a prima dell’esilio, Victor Hugo. Oggi il suo appartamento ospita un museo a lui dedicato.
In fondo alla piazza,un hotel storico ( e di lusso): “le Pavillon de la reine”che merita una visita.

IMG_1969.JPG

IMG_1965.JPG

IMG_1964.JPG

IMG_1963.JPG
Ma nel Marais si trova anche il museo dedicato a Picasso,ne Palais Salé a Rue de Thorigny 5.
L’hôtel particulier che ospita la collezione d’arte è stato costruito tra il 1656 e il 1659 per conto di Pierre Aubert, signore di Fontenay, un esattore fiscale che si era arricchito raccogliendo la tassa sul sale (il nome del palazzo significa “salato”); il palazzo è considerato uno dei migliori edifici storici del Marais.

Il palazzo nel corso del tempo è passato varie volte di mano; tra i suoi occupanti vi furono l’ambasciata della Repubblica di Venezia (1671), ed in seguito François de Neufville, duca di Villeroi. Fu espropriato dallo stato durante la rivoluzione francese e nel 1815 diventò una scuola che ebbe tra i suoi studenti Honoré de Balzac. Nel 1964 fu acquistato dal comune di Parigi e nel 1968 ottenne lo status di monumento storico.

Palazzo Salé fu scelto come sede del museo Picasso dopo un acceso dibattito sia a livello cittadino che nazionale.

Nel 1968 la Francia ha promulgato una legge che permette agli eredi di pagare le tasse di successione con opere d’arte anziché con il denaro, dal momento che l’arte è considerata un fattore fondamentale per lo sviluppo culturale del paese. Questa forma di pagamento è chiamata “dation” ed è comunque consentita solo in circostanze particolari. Dominique Bozo, uno dei curatori del patrimonio museale nazionale, selezionò quali opere dell’artista spagnolo fossero adatte a fare parte della dation:comprendeva opere di Picasso realizzate con tutte le tecniche e risalenti a tutti i periodi dell’artista, caratterizzandosi particolarmente per la sua eccellente raccolta di sculture. Subito dopo la morte di Jacqueline Picasso avvenuta nel 1986, la figlia offrì una nuova dation. La collezione ha inoltre acquisito anche altre opere sia acquistandole che grazie a donazioni.
Dopo una ristrutturazione il museo riaprirá il 14 ottobre.

IMG_1968.JPG

IMG_1967.JPG

IMG_1966.JPG

Ma dopo tanta cultura,torniamo alla maglia
Nel Marais si trova una bella merceria:”l’entrée des fournisseurs” ci si accede attraversando un bel cortile in

8 Rue des Francs Bourgeois, Paris
+33 1 48 87 58 98
Troverete oltre alla lana,passamanerie e bottoni,e i modelli di Citronille.

IMG_1969-0.JPG

IMG_1970.JPG

IMG_1971.JPG

A LONDRA,
Se avete programmato un viaggio a Londra tra il 19 settembre e il 19 gennaio 2015, non perdetevi questa mostra:
KNITWEAR Chanel to Westwood
http://ftmlondon.orghttp://ftmlondon.org

La moda in maglia del 20mo secolo.
Include Chanel , Bill Gibb fino a Comme des Garçons, Vivienne Westwood e Julien MacDonald.

IMG_1972.JPG
Il mio negozio di lana preferito a Londra è LOOP,e non solo ler ciò che vende ma anche( e forse soprattutto) per il quartiere: si trova infatti in Camden Passage, stradine Dickensiane ,botteghe di vintage e favolosi gioielli liberty.
Vi troverete morbide lane provenienti da lontane isole scozzesi,e moldi modelli.
Il mercoledì e il sabato mercatino sulle stradine.

IMG_1974.JPG

IMG_1973.JPG

IMG_1975.JPG

Ma ho parlato di Londra anche qui:http://lamagliadimarica.com/2013/05/18/pro-fumo-di-londra/http://lamagliadimarica.com/2013/05/18/pro-fumo-di-londra/

Sempre andando per lana ,al terzo piano di Peter Jones a Sloane Square e di John Lewis in Oxford Street,troverete di tutto e anche gentili signore che vi aiuteranno a scegliere.
Un alto sito ,che però si trova un po’ lontano dal centro:http://knitwithattitude.com/shop/default/http://knitwithattitude.com/shop/default/

..a Londra c’è un pezzo della mia vita!!!
E ora: New York!
Devo ringraziare i miei figli, che in tanti modi hanno arricchito la mia vita,e continuano a farlo.
I due più grandi che attraverso i loro figli(5..) mi hanno garantito l’immortalitá..e il più piccolo,più giovane di 12-13 anni dei suoi fratelli,che con il suo lavoro di ricercatore,prima a Londra e ora a Boston,mi ha dato una buona scusa per viaggiare.
E ora sua moglie ha trovato lavoro nella grande Mela,e i due novelli sposi si spostano nei week end da una cittá all’altra.
Scoperta recente,vicino casa di Camilla tra la 92 e la seconda Upper east side, un grande negozio : Annie,da frequentare..
Annie & Co.

1763 2nd Ave, New York, NY
+1 212-360-7266

Lunedì 11:00-18:00
Martedì 11:00-18:00
Mercoledì 11:00-18:00
Giovedì 11:00-18:00
Venerdì 11:00-18:00
Sabato 11:00-17:00
Domenica Chiuso

IMG_1976.JPG

Ecco l’elenco dei 5 migliori negozi di lane a NY:
http://newyork.cbslocal.com/top-lists/5-best-knitting-stores-in-nyc/http://newyork.cbslocal.com/top-lists/5-best-knitting-stores-in-nyc/

Bon voyage!!

Scalda muscoli

IMG_0292.JPG

30 cm di circonferenza per 24 cm di lunghezza
Ferri 4,5 e 5 circolari ,cavo corto
Montare 62 m , e lav a coste1/1 per 4 cm aumentando 1 m nell’ultimo ferro=63 m
Cambiare con i ferri 5 e lav 2 giri dir
Ferro 3:*2 dir,2 Ass al dir,1 gett* rip fino alle ultime 3 m,3 dir.
Lav altri 3 giri a m rasata .
Ferro 7:*2 Ass al dir,1 gett,2 dir,* rip fino alle ultime 3 m,2 Ass al dir,1 gett,1 dir.
Ferro 8 dir
Rip questi 8 giri fino a circa 16 cm finendo ad un ferro dir e dim 1 m alla fine dell’ultimo giro.=62 m
Cambiare con i ferri 4,5 ,lav a coste per 4 cm ,poi chiudere lavorando a coste

http://www.deramores.com/media/deramores/pdf/rowan-leg-warmers-pattern.pdfhttp://www.deramores.com/media/deramores/pdf/rowan-leg-warmers-pattern.pdf

cute-baby-dress-pattern-knitting
 prendendo spunto da questo modello, Nonna cristina ha fatto il bellissimo abito da battesimo per margherita, ed ecco cosa scrive:
“Cara Marica ti invio le foto degli ultimi lavoretti tutti dedicati a lei, Margherita, che nascerà tra poco più di un mese, per il vestitino del Battesimo ho scelto il punto chevron su 13 maglie + 1, l’altro proprio non mi veniva. Grazie per tutti i modelli che invii quotidianamente,
nonna Cristina”

La spiegazione è nel blog,qui

 

 

:

IMG_0084-1.JPG

IMG_0083-0.JPG

 
È il completo,copri fasce e culotte, sono mietei modelli personali,creati da me per Flavia,e che avevo chiamato :”appena nata”, perchè li ha indossati quando appunto,appena nata,era ancora in clinica:

IMG_0081.JPG

Spiegazione clic

IMG_4642.JPG

IMG_4641.JPG

IMG_4643.JPG

Oramai la lavorazione topdown non é più un mistero per la maggior parte di voi che mi seguite da tempo,e so che ne siete tutte entusiaste; sembrava che il limite di questo tipo di lavorazione fossero le maniche, unicamente raglan;, ma una knitter australiana ,Susy Myers ha inventato un sistema per farle a giro e l’ha chiamato : “contiguous
Ne avevo parlato qui:https://lamagliadimarica.com/2012/08/07/top-down-con-le-spalle-a-giro-2/https://lamagliadimarica.com/2012/08/07/top-down-con-le-spalle-a-giro-2/
Voglio proporre alle amiche romane ( ma non solo..)un corso di topdown e topdown contiguous , il mercoledì dalle 13 alle 15 .

Prossime date:
Mercoledì 1 ottobre
Mercoledì 8 ottobre
E se fosse necessario protraiamo al mercoledì successivo.
Massimo 4 persone
Costo del corso 50 euro
Nel corso delle due lezioni di 2 ore ciascuna, imposteremo ( e vedremo se riusciremo a finirlo) questo piccolo topdown contiguous:

IMG_4649.JPG

E vi verrâ offerta la spiegazione di quest’altro:

IMG_4643.JPG

IMG_4644.JPG

É un modello che si compera su Ravelry e quindi non puó essere pubblicato.( io l’ho comperato..è tradotto)
Allora? Che ne dite?
Scrivete
cmzamperetti@ gmail.com

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.628 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: